Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?
per Chiara Coraggio Stampa | Lunes, 19 de agosto 2019

Non si comincia bene con questo titolare, "Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?", Perché un'opzione esclude l'altra e non è questo il problema. Ma uno non è migliore dell'altro, né viceversa. Cerchiamo di essere chiari! Quindi il nostro obiettivo con questo post è quello di esporti a cosa serve ea che ora puoi optare per la doccia fredda o la doccia calda dopo i tuoi allenamenti. O ricorrere anche a bagni contrastanti, se ne hai il coraggio.

Prima di tutto vale a dire che ci sono diversi studi a favore delle docce fredde, e ci sono anche quelle che mettono in risalto gli effetti positivi delle docce calde dopo la corsa. Ad esempio, per quanto riguarda il processo di recupero, l'acqua calda tende a rilassare i muscoli, mentre che i bagni di acqua fredda - anche entrando in una vasca di ghiaccio (crioterapia) - possono aiutarti a eliminare le impurità dell'acido lattico.

Dato che l'acqua calda come l'acqua fredda hanno i loro vantaggi, forse la via più consigliata è quella di optare per bagni di contrasto, che, a quanto pare e come mostrato, hanno effetti diretti sul recupero dell'atleta. Ma ne parleremo più avanti, e non perdiamo il focus di ciò che ci riguarda: docce fredde e docce calde ... Quando e perché?

Doccia calda o fredda dopo la corsa

Perché scegliere tra una doccia fredda o una doccia calda dopo fare running?

Prima di tutto vale la pena menzionare i benefici di fare la doccia calda o fredda ma, in questo senso, si devono prendere in considerazione due concetti diversi: Vasocostrizione, associata alla doccia fredda; e vasodilatazione, associata alla doccia calda.

La vasocostrizione produce una contrazione dei vasi sanguigni che aumentano la pressione sanguigna e che è preceduto da un calo della temperatura corporea. Quindi, il flusso sanguigno viene diretto verso gli organi vitali, mentre i muscoli rimangono, più o meno soli, nel compito di far fronte all'accumulo di acido lattico.

La vasodilatazione invece ha l'effetto contrario. Ciò che fa è dilatare i vasi sanguigni, aumentando la pressione sanguigna e facendo sì che il flusso sanguigno vada più direttamente ai muscoli, il che significa che l'acido lattico è più disperso, riducendo quella sensazione di dolore e affaticamento.

Insomma, le docce d'acqua fredda ti possono aiutare a un ricupero dei tessuti danneggiati, mentre i bagni di acqua calda aiutano a rilassare e allentare la tensione dei muscoli.

Benefici della doccia d'acqua fredda e la doccia d'acqua calda

Prima di tutto, si devono mettere in risalto i diversi benefici di entrambe le opzione, quindi:

Benefici delle doccia d'acqua fredda

  • Stimola il sistema immunitario e migliora la circolazione sanguigna.
  • Aumenta l'estato di alerta del corpo.
  • Incentivo agli ormoni antidepressivi.
  • Accelera il metabolismo
  • Favoriscono il processo di perdita di peso.
  • Contribuiscono alla cura della pelle e dei capelli.

Benefici delle docce d'acqua calda

Doccia calda o fredda dopo la corsa, benefici

  • Rilassa i muscoli e migliora il recupero.
  • Ridurre la tensione corporea e lo stress.
  • Riducono i sintomi di raffreddore e tosse, aprendo le vie respiratorie.
  • Ridurre l'infiammazione
  • Fa appello all'ansia.

Cioè, la opzione perfetta sarebbe quella di valutare il tuo stato fisico e mentale nel momento specifico prima fare la doccia e optare per un'opzione o l'altra a seconda dei benefici che si desidera cercare.

Doccia calda o fredda dopo la corsa, acqua

Bagni contrastanti: l'opzione migliore da non scartare?

L'abbiamo lasciato per ultimo, perché diciamo che è l'opzione intermedia e dalla quale, in linea di principio, potresti ottenere di più da esso, poiché si concentra sulla ricerca di un equilibrio: docce con acqua calda o i noti bagni di contrasto.

I bagni a contrasto derivano da una tecnica millenaria, sviluppate per i medico e naturalista tedesco, Sebastian Kneipp, uno dei grandi precursori della idroterapia e conosciuto che ha dato il nome "Cure of Kneipp", un sistema medico naturale incentrato sull'applicazione: idroterapia, esercizio fisico, terapia nutrizionale, fitoterapia (erbe medicinali) e spiritualità.

Come ci indica il suo nome, consiste in creare un contraste alternando brevi esposizioni su acqua fredda e acqua calda, alternandole. E i suoi benefici, sebbene siano già evidenziati, sono i seguenti:

  • Stimolano la circolazione sanguigna
  • Attiva e stimola il sistema immunitario.
  • Previene il dolore muscolare della tarda apparizione (DOMS)
  • Possono aiutare a combattere la depressione.
  • Contribuiscono a dimagrire

Doccia calda o fredda dopo la corsa, dimagrire

Come applicare la tecnica corretta delle docce a contrasto?

Si devono fare in modo corretto in modo di per ottenere la massima efficacia. È semplice, segue questi passaggi:

Prima doccia con acqua calda per 3-5 minuti.

Seconda doccia con acqua fredda per 1 minuto.

Ripeti il ​​ciclo da 3 a 5 volte.

Le chiavi di quell'efficacia dei bagni di contrasto sono tre:

  • Il primo è sempre quello di terminare la doccia fredda.
  • Il secondo è che la differenza di temperatura tra acqua calda e fredda deve essere la più alta possibile per generare quel contrasto.
  • Il terzo, docce calde dovrebbe essere più lungo di docce fredde.

Detto questo, ti sentirai come nuovo e, naturalmente, contribuirai a un recupero migliore e più veloce, anche dai tuoi allenamenti più impegnativi. Quale scegli?

Link correlati

  1. Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Fa già un caldo che si muore e per questo motivo, da Runnea, abbiamo deciso mettere in risalto le migliore scarpe da running per correre in estate. Se vuoi godere d'una esperienza di corsa ancora più gratificante devi, prima di tutto, implementare una serie di consigli pratici per correre in modo più sicuro.
  2. 8 cose da tener presente nelle ore che precedono la corsa della maratona

    8 cose da tener presente nelle ore che precedono la corsa della maratona

    Se la prova si svolge ad una distanza che ti permette di dormire a casa tua e non doverto svegliare troppo presto per non arrivare tardi e sufficientemente in anticipo, non pensarci due volte, come riposerai nel tuo letto non riposerai da nessun'altra parte
  3. Offerte cardiofrequenzimetri: i 6 migliori sotto 200 euro

    Offerte cardiofrequenzimetri: i 6 migliori sotto 200 euro

    Fare un uso della tecnologia per misurare e analizzare i dati lungo il allenamento può essere un'ottima idea se abbiamo lo scopo di migliorare la nostra condizione sportiva. Quindi, se volete acquistare un cardiofrequenzimetro a un prezzo basso però con le prestazione e caratteristiche magnifiche, questo è il momento! Scopre la nostra selezione!
  4. Imparare a correre: giusto movimento di braccia, spalle e gambe

    Imparare a correre: giusto movimento di braccia, spalle e gambe

    È facile pensare che per correre più chilometri e a velocità maggiore dobbiamo allenarci sempre più duramente, ma è probabile che interessandosi maggiormente ai dettagli piccoli si finisce per diventare un runner migliore ed ottenere, di conseguenza migliori risultati.
  5. Iniziare a correre sul tapis roulant: fa bene o no?

    Iniziare a correre sul tapis roulant: fa bene o no?

    Iniziamo a sfatare i miti sui benefici o gli inconvenienti di correre sul nastro basandoci su studi scientifici. Perché alcuni preferiscono correre su un nastro e non farlo sulla strada? Cosa ci porta farlo su un tapeto? È meglio per evitare gli infortuni?

© RUNNEA Copyright 2019.