Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"

 Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"
per Cassandra Merlino Stampa | Giovedì, 22 de agosto 2019

Questa volta da Runnea abbiamo voluto mettere in risalto l'attualizzazione delle Mizuno Wave Rider 23, una scarpa che si avvolge per offrire un'esperienza di corsa superiore al corridoio.

In questa nuova versione della saga di assoluto successo Mizuno Wave Rider, i disegnatori dell'azienda giapponese hanno lavorato per "allontanarsi! dell'estetica classica ha accompagnato a questa scarpa da running. Quindi, quest'ultima versione presenta un disegno più attuale sebbene non ci sia discussione sulla coerenza delle prestazioni di questo modello. Le prestazioni continuano a essere di qualità ma con lo scopo di migliorare l'esperienza di corsa del corridoio neutro.

Acquista le Mizuno Wave Rider 23 da 58€

I cambiamenti che si trovano in questi Mizuno Wave Rider 23, cercano di favorire una guida ancora più naturale del piede lungo la corsa. Cioè, senza dubbio questa scarpa da allenamento ti aiuterà a battere tutti i tuoi marchi personali.

Mizuno Wave Rider 23 e il concetto di Rider Feel, novità

Le novità da mettere in risalto delle Mizuno Wave Rider

L'attualizzazione della Mizuno Wave Rider 23 non è così radicale rispetto alla sua versione precedente, ma come abbiamo sottolineato le modifiche sono davvero notevoli e significative. Queste scarpe da running di Mizuno, uno dei modelli più emblematici dell'azienda nipona, garantiscono le migliori sensazioni in ogni sessione di allenamento che hai pianificato.

Una delleprincipali novità di queste Mizuno Wave Rider 23 si concentra sulla tomaia. Come abbiamo potuto già comprovare sulla versione anteriore, le Mizuno Wave Rider 22, viene utilizzato anche il doppio strato di tessuto tecnico, ma, questa volta, è molto più pulito e senza cuciture. L'obiettivo è chiaro, rimuovere tutti i rinforzi esterni cuciti sulla zona anteriore della scarpa e nel suo posto, introdurre dei termosaldati che offrono un adattamento più preciso.

Un'altro piccolo dettaglio da prendere in considerazione si trova nel collo della caviglia, perché in questi Mizuno Wave Rider 23 ho deciso di fare a meno di quella voluminosa imbottitura del suo predecessore. Questa nuova attualizzazione della scarpa da running di massimo ammortizzamento presenta una estetica più traspirabile e aerodinamica e dunque, il peso è stato anche ridotto. Pesi di 290 grammi per il modello maschile e 240 grammi per la versione femminile, dati ufficiali secondo il marchio stesso.

Inoltre, grazie alla combinazione tra il tessuto della tomaia e il sistema DynamotionFit si crea un modello con un adattamento più preciso per completare gli allenamenti più intensi con le migliori sensazioni possibili!

Mizuno Wave Rider 23 e il concetto di Rider Feel

Quello che non cambia e continua a funzionare nelle Mizuno Wave Rider 23

Insieme ai cambiamenti più importanti di queste nuove Rider 23 si deve anche mettere in risalto le caratteristiche che rimangono intatte. Si parla, in modo più specifico, della intersuola che continua a essere presente su questo modello che, continua a segnare la differenza sul mercato.

La scommessa di Mizuno continua a essere la stessa: sistema ammortizzante CloudWave a doppia densità, con le sue schiume più importanti U4ic e U4icX, mantiene questi Wave Rider 23 come un chiaro esempio di una combinazione ideale di smorzamento, stabilità e reattività. In questo modo, le transizioni acquisiscono numeri interi non solo in fluidità e dinamismo, ma anche in una sensazione di comfort superiore lungo la corsa.

La suola esteriore presente in questo modello continua a introdurre il composto più duraturo dell'azienda giaponesse, il X-10. Una struttura che aumenta la durabilità, la presa e la trazione in qualsiasi tipo di terreno. 

Mizuno Wave Rider 23 e il concetto di Rider Feel, profilo di corridoio

Profilo di corridoio delle Mizuno Wave Rider 23

Se ti stai chiedendo: a quale profilo di corridore sono orientati questi nuovi Mizuno Wave Rider 23? Più o meno come le versioni precedenti, i corridori neutri che vogliono indossare una scarpa da corsa con un'ammortizzazione dinamica e reattiva e in cui non perde un minimo di stabilità per correre in modo più sicuro. Sono garantite prestazioni superiori, migliorando al contempo la sensazione di comfort e morbidezza.

Tutte le caratteristiche delle Mizuno Wave Rider 23

Queste Rider 23 sono anche orientate per i corridori di qualsiasi tipo e condizione, esperti e principianti, e si muovono molto bene a ritmi tra le 4:30 e le 5:30 min / km, il che dà un'idea della sua grande versatilità. È inoltre ottimizzato per diverse distanze che vanno da brevi a lunghe, compresa la maratona.

Insomma, i cambiamenti presenti in questi Rider 23 cercano di migliorare l'esperienza del corridoio, come? Attraverso della massima ammortizzazione, stabilità e di un'ammortizzazione più reattiva. I cambiamenti di questi Rider 23 non raggiungono il livello di quello che abbiamo visto in Mizuno Wave Sky 3, per esempio; ma è vero che si sentono i miglioramenti rispetto a Wave Rider 22. Il concetto di "Rider Feel" di Mizuno al suo meglio.

Link correlati

  1. Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Non si comincia bene con questo titolare, "Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?", Perché un'opzione esclude l'altra e non è questo il problema. Ma uno non è migliore dell'altro, né viceversa. Cerchiamo di essere chiari! Quindi il nostro obiettivo con questo post è quello di esporti a cosa serve ea che ora puoi optare per la doccia fredda o la doccia calda dopo i tuoi allenamenti. O ricorrere anche a bagni contrastanti, se ne hai il coraggio.
  2. Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Fa già un caldo che si muore e per questo motivo, da Runnea, abbiamo deciso mettere in risalto le migliore scarpe da running per correre in estate. Se vuoi godere d'una esperienza di corsa ancora più gratificante devi, prima di tutto, implementare una serie di consigli pratici per correre in modo più sicuro.
  3. 8 cose da tener presente nelle ore che precedono la corsa della maratona

    8 cose da tener presente nelle ore che precedono la corsa della maratona

    Se la prova si svolge ad una distanza che ti permette di dormire a casa tua e non doverto svegliare troppo presto per non arrivare tardi e sufficientemente in anticipo, non pensarci due volte, come riposerai nel tuo letto non riposerai da nessun'altra parte
  4. Offerte cardiofrequenzimetri: i 6 migliori sotto 200 euro

    Offerte cardiofrequenzimetri: i 6 migliori sotto 200 euro

    Fare un uso della tecnologia per misurare e analizzare i dati lungo il allenamento può essere un'ottima idea se abbiamo lo scopo di migliorare la nostra condizione sportiva. Quindi, se volete acquistare un cardiofrequenzimetro a un prezzo basso però con le prestazione e caratteristiche magnifiche, questo è il momento! Scopre la nostra selezione!
  5. Imparare a correre: giusto movimento di braccia, spalle e gambe

    Imparare a correre: giusto movimento di braccia, spalle e gambe

    È facile pensare che per correre più chilometri e a velocità maggiore dobbiamo allenarci sempre più duramente, ma è probabile che interessandosi maggiormente ai dettagli piccoli si finisce per diventare un runner migliore ed ottenere, di conseguenza migliori risultati.

© RUNNEA Copyright 2019.