Running: Scarpe da corsa

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori popolari

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori popolari
per Lucia De Rossi Stampa |

L'assenza volontaria di cibo o il digiuno intermittente può portare grandi benefici ai corridori popolari, tuttavia, non è consigliabile per tutti gli atleti. Anche se è un'ottima opzione per preparare competizioni di lunga durata, non è raccomandata, tra l'altro, per le persone con disturbi alimentari, le persone insulino-dipendenti e le donne incinte. Con la consulenza di Ana Polo, dietista-nutrizionista specializzata in nutrizione sportiva, e di Iker Muñoz, direttore sportivo di Runnea, abbiamo analizzato i benefici e i rischi del digiuno intermittente: le 5 chiavi per i corridori popolari.

Cos'è il digiuno intermittente?

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori più popolari. Che cosa è

"Il digiuno intermittente è l'assenza volontaria di cibo", dice Ana Polo. Ci sono diversi metodi, anche se normalmente i metodi di digiuno intermittente sono di 12 o 16 ore. "Il metodo che, senza essere molto restrittivo, ha i maggiori benefici è il digiuno 16/8", sostiene il dietologo-nutrizionista, un metodo che consiste nel digiunare ogni giorno per 16 ore e concentrare l'assunzione giornaliera di cibo su 8 ore.

Con una comprovata efficacia nella perdita di grasso e nel miglioramento delle prestazioni sportive, il digiuno intermittente può essere un metodo molto attraente per i corridori popolari. Tuttavia, conoscerne i vantaggi e i rischi ci aiuterà ad attuarlo in modo sicuro e responsabile. Prendete nota di queste 5 chiavi per il digiuno intermittente per i corridori

Vantaggi del digiuno intermittente

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori più popolari Vantaggi.

Il digiuno intermittente ha molti vantaggi, ma come abbiamo evidenziato all'inizio dell'articolo, non è adatto a tutti. Il digiuno intermittente riduce il rischio di malattie coronariche "poiché migliora il profilo lipidico e riduce i trigliceridi del sangue", dice Ana, "inoltre, aiuta anche a migliorare la sensibilità all'insulina e riduce la resistenza ad essa, quindi se avete problemi con la glicemia vi aiuterà a migliorarla".

L'assenza volontaria di cibo può essere molto benefica, ma se viene fatta in modo corretto e controllato. "Il miglioramento del sistema immunitario attraverso il digiuno è stato studiato", avverte l'esperto di nutrizione, perché questo metodo può rafforzare la difesa naturale dell'organismo contro le infezioni, migliorando in particolare la nostra capacità di combattere i germi e stimolando una risposta immunitaria più efficiente.

Digiuno intermittente: diete nutrizionali

La maggior parte di noi associa il metodo del digiuno intermittente con la perdita di peso e la verità è che esso favorisce in gran parte la perdita di grasso trattenendo la massa muscolare a causa del deficit calorico che comporta.

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori più popolari. Efficacia.

Tuttavia, "per fare l'allenamento a digiuno e massimizzare i benefici e ridurre al minimo i possibili rischi, sarà necessario essere ben diretti", avverte Iker Muñoz, direttore sportivo di Runnea. Il digiuno intermittente sarà una buona strategia per ridurre l'indice di grasso, la cui efficacia è dimostrata a livello antropometrico; perdita di peso e di grasso, diminuzione della circonferenza vita-canna.

"Per essere sani e perdere peso la base è avere una buona dieta secondo le proprie esigenze e con alimenti molto nutrienti. Non ha senso digiunare se mangiamo cibo spazzatura nella finestra di alimentazione", afferma con enfasi Ana Polo.

Rischi o controindicazioni del digiuno

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori più popolari Rischi.

"D'altra parte, il digiuno non è raccomandato per le persone che hanno avuto problemi con il cibo. Anche nelle persone che vogliono ingrassare, nelle persone dipendenti dall'insulina e nelle donne incinte", dice Ana Polo. D'altra parte, il nostro Direttore Sportivo, Iker Muñoz, sconsiglia questo tipo di metodo ai corridori e/o agli sportivi che non hanno molta esperienza o che non lo conoscono.

Se il vostro obiettivo è quello di gestire eventi di moderata durata, il digiuno sarebbe sconsigliabile vicino alla competizione, "ma nella pre-campionato sarebbe un buon strumento per facilitare la ricomposizione del corpo", sottolinea l'esperto di nutrizione.

Come fare il digiuno intermittente?

Scommettere su una buona strategia nutrizionale sarà la chiave per applicare, in modo vantaggioso, il metodo del digiuno intermittente. "La cosa più importante è avere un buon riposo, una dieta ricca di sostanze nutritive e un esercizio fisico adeguato alle esigenze, se abbiamo una buona base, il digiuno sarà più benefico", sottolinea Ana Polo.

Digiuno intermittente: 5 chiavi per i corridori più popolari Correre a stomaco vuoto.

L'introduzione di carboidrati nella cena prima del digiuno sarà la chiave per riempire i depositi di glicogeno nei muscoli e ci permetterà di affrontare l'allenamento con energia. "Dopo la formazione, è importante seguire la regola delle 3 R: reidratare, sostituire il glicogeno e riparare il tessuto", dice l'esperto di nutrizione.

La strategia nutrizionale varierà a seconda delle condizioni dell'atleta in questione, e per minimizzare i rischi e massimizzare i benefici sarà necessario essere ben diretti, avverte Iker Muñoz. Una similitudine che si traduce anche nell'importanza della formazione in modo individualizzato e diretto, pilastri fondamentali che difendono i piani di formazione della Runnea Academy.

È bello correre a stomaco vuoto?

Come abbiamo discusso nel post 'Correre a stomaco vuoto: Vi diciamo se è giusto per voi o no'.  Camminare e aumentare progressivamente la velocità fino a quando non si inizia a fare jogging, dice il nostro direttore sportivo.

Eseguire un allenamento puro a stomaco vuoto permetterà al nostro corpo di consumare più grasso, dandogli priorità come carburante in gara e ritardando l'insorgenza della stanchezza.

Attiva il tuo prossimo piano di formazione alla Runnea Academy

Digiuno intermittente nei corridoi popolari

Se è vero che il digiuno intermittente può essere molto benefico per il corridore popolare, è un metodo che richiede una certa preparazione. Non si tratta solo di digiunare per un periodo di tempo; la progressione sarà fondamentale per il suo beneficio. Se è vero che il digiuno può migliorare le prestazioni, non è raccomandato, tra l'altro, ai corridori inesperti e/o alle persone con disturbi alimentari.

La scelta della giusta strategia nutrizionale sarà fondamentale per poter effettuare correttamente il digiuno intermittente ed evitare i rischi che questa pratica può comportare. Come sempre difendiamo in Runnea, consultare uno specialista ed evitare i rischi sarà fondamentale per continuare a praticare il nostro sport preferito. Non dimenticate!

Link correlati

  1. Conseguenze di un allenamento inadeguato: sovrallenamento e lesioni del corridore

    Conseguenze di un allenamento inadeguato: sovrallenamento e lesioni del corridore

    Il sovrallenamento è caratterizzato da un calo prolungato delle prestazioni e anche se interrompiamo l'allenamento, gli effetti di questo dureranno settimane o addirittura mesi. Il superamento non funzionale è un calo involontario delle prestazioni che può durare settimane, dopo un adeguato riposo tenderà a diminuire
  2. Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?

    Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?

    "A volte associamo il lavoro di intensità e velocità al fatto di raggiungere delle prestazioni più elevate, ma ciò non deve sempre essere visto in questo modo", afferma Francesco Rossi, direttore sportivo di Runnea Academy, "è importante mettere in risalto la necessità di sapere come correre in modo veloce", e integrare il lavoro a diverse intensità può essere uno strumento efficace e utile. Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?, queste sono alcune dei consigli che dovresti tenere in considerazione quando includi il lavoro di intensità o velocità, o un lavoro intervallato molto breve, nel tuo allenamento, prendi nota!
  3.  Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"

    Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"

    In questa nuova versione della saga di assoluto successo Mizuno Wave Rider, i disegnatori dell'azienda giapponese hanno lavorato per "allontanarsi! dell'estetica classica ha accompagnato a questo modello. Quindi, quest'ultima versione presenta un disegno più attuale sebbene non ci sia discussione sulla coerenza delle prestazioni di questo modello. Le prestazioni continuano a essere di qualità ma con los scopo di migliorare l'esperienza di corsa del corridoio neutro.
  4. Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Non si comincia bene con questo titolare, "Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?", Perché un'opzione esclude l'altra e non è questo il problema. Ma uno non è migliore dell'altro, né viceversa. Cerchiamo di essere chiari! Quindi il nostro obiettivo con questo post è quello di esporti a cosa serve ea che ora puoi optare per la doccia fredda o la doccia calda dopo i tuoi allenamenti. O ricorrere anche a bagni contrastanti, se ne hai il coraggio.
  5. Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Le 8 migliori scarpe da running per correre in estate

    Fa già un caldo che si muore e per questo motivo, da Runnea, abbiamo deciso mettere in risalto le migliore scarpe da running per correre in estate. Se vuoi godere d'una esperienza di corsa ancora più gratificante devi, prima di tutto, implementare una serie di consigli pratici per correre in modo più sicuro.

© RUNNEA Copyright 2020.