Running: Scarpe da corsa

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico?

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico?
per Matteo Russo Stampa |

La corsa porta molteplici benefici alla nostra salute in quanto riduce il rischio di malattie cardiovascolari, migliora il sistema cardiorespiratorio e promuove la perdita di peso, tra molti altri. Tuttavia, trattandosi di un'attività ad alto impatto, può influire negativamente sui nostri muscoli e sulle nostre articolazioni. L'indebolimento del pavimento pelvico è un disturbo comune tra i corridori popolari, soprattutto donne, e può portare a disfunzioni sessuali, secchezza vaginale o incontinenza urinaria. Ma come influisce la corsa sul pavimento pelvico?

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico? Alterazione

Ci rivolgiamo alla consulenza esperta di Mireia Peláez, dottore in attività fisica e sport, che ci darà alcune chiavi per prevenire e curare l'alterazione del pavimento pelvico. È un'area che accumula molta tensione, ma come faccio a sapere se ho indebolito il pavimento pelvico? Quali conseguenze può avere il pavimento pelvico indebolito? Come posso rinforzarlo? Tutte le risposte e molte altre ancora da seguire!

In che modo la corsa influisce sul nostro pavimento pelvico?

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico? Impatto

La corsa, come altre attività ad alto impatto (quelle che includono il salto) può generare microtraumi nei muscoli del pavimento pelvico. Ciò non significa che non si debba correre, in quanto ha molti benefici a livello osseo e cardiovascolare, ecc, ma dovremmo considerare che questa attività è un fattore di rischio per lo sviluppo di alcune disfunzioni del pavimento pelvico.

Quali sono le conseguenze di un pavimento pelvico indebolito?

Un pavimento pelvico indebolito può manifestare tre condizioni che a volte si combinano: disfunzioni sessuali, come la secchezza vaginale, il disagio durante il rapporto sessuale o l'anorgasmia nelle donne, e la disfunzione eiaculatoria negli uomini.

L'incontinenza urinaria può essere riscontrata fino all'80% degli atleti di sesso femminile d'elite o altamente attivi

Incontinenza urinaria o fecale. L'incontinenza urinaria può essere riscontrata fino all'80% delle atlete d'elite o delle atlete molto attive. È una percentuale molto alta e siamo passati dal considerarlo un tabù e non parlarne alla normalizzazione di una situazione patologica. Ecco perché le donne devono essere avvertite che non è normale avere incontinenza urinaria e che devono rivolgersi al giusto professionista, un fisioterapista del pavimento pelvico, per farsi curare per prevenire problemi più gravi.

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico? Incontinenza urinaria

Infine, un'altra conseguenza dei disturbi del pavimento pelvico è il prolasso, che è la discesa di organi che possono apparire attraverso la vagina. In questo caso la vescica, l'utero, le pareti della vagina stessa o il retto possono prolassare.

Come faccio a sapere se ho un pavimento pelvico indebolito?

Molte donne notano che il loro pavimento pelvico è indebolito perché sentono la perdita di urina quando ridono, saltano o si sforzano, come durante gli addominali. Altri notano una certa pressione sulla vulva e altri notano problemi legati alla sessualità. Anche se non tutti i segni sono legati alla minzione o ai genitali, a volte una cattiva stabilità nel tronco o nel nucleo è prodotta da una mancanza di equilibrio nel tono del pavimento pelvico, producendo dolori alla schiena, alterazioni nel movimento delle gambe, ecc.

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico? Rafforzamento

È importante notare che non tutti i problemi del pavimento pelvico derivano dalla debolezza, è anche un'area che accumula molto stress.

Come si rinforza il pavimento pelvico?

Ci sono diverse tecniche per rinforzare il pavimento pelvico. Ci sono tecniche passive come l'elettrostimolazione e tecniche attive come esercizi di kegel, ipopressivi o posturali. È inoltre possibile utilizzare materiale come palline cinesi, coni vaginali o altri gadget che vengono inseriti nella vagina e attraverso un'applicazione mobile registrare la formazione.

  • A seconda delle esigenze della persona, si raccomanda una tecnica o una combinazione di più tecniche, ma questo dovrebbe essere fatto su base individuale da un fisioterapista specializzato.
  • Inoltre, il rapporto del pavimento pelvico con altre strutture come il diaframma toracico o il traverso dell'addome significa che la sua debolezza o l'eccessiva tensione devono essere trattate insieme e in modo integrato.

È più comune nelle donne che hanno già partorito?

In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico? Trattamento

È vero che la gravidanza e il parto sono due rischi riconosciuti per i disturbi del pavimento pelvico, ma anche le donne che non hanno partorito e sono molto attive possono avere disturbi. Altri fattori di rischio oltre allo sport e alla gravidanza sono il sovrappeso, il fumo, le malattie respiratorie e la stitichezza.

In breve, è molto importante per ogni donna che pratica sport regolarmente, e ancora di più se include un impatto elevato come la corsa, fare un check-up del pavimento pelvico per includere nella propria routine di allenamento le tecniche necessarie per poter continuare a correre per molti anni e in buona salute.

Disturbi del pavimento pelvico: prevenzione e trattamento

La corsa è uno sport ad alto impatto e anche se può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di disfunzioni del pavimento pelvico, i benefici sono molteplici. Prevenire l'alterazione del pavimento pelvico attraverso diverse tecniche di rinforzo sarà la chiave per continuare a praticare il nostro sport preferito.

Come sottolinea la nostra esperta Mireia Peláez, è importante sottolineare che non tutti i problemi del pavimento pelvico derivano dalla sua debolezza, è anche un'area che accumula molta tensione. Pertanto, un controllo regolare del pavimento pelvico sarà fondamentale per prevenire possibili complicazioni e rischi. E tu, ti prendi cura della salute del tuo pavimento pelvico?

Link correlati

  1. Perché divento rosso quando vado a correre?

    Perché divento rosso quando vado a correre?

    Il nostro corpo reagisce allo stimolo dell'attività fisica, ma perché divento rosso quando vado a correre? Ci siamo rivolti alla consulenza del nostro Direttore Sportivo, Iker Muñoz, che ci darà alcuni indizi per capire il motivo di questo effetto.
  2. Conseguenze di un allenamento inadeguato: sovrallenamento e lesioni del corridore

    Conseguenze di un allenamento inadeguato: sovrallenamento e lesioni del corridore

    Il sovrallenamento è caratterizzato da un calo prolungato delle prestazioni e anche se interrompiamo l'allenamento, gli effetti di questo dureranno settimane o addirittura mesi. Il superamento non funzionale è un calo involontario delle prestazioni che può durare settimane, dopo un adeguato riposo tenderà a diminuire
  3. Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?

    Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?

    "A volte associamo il lavoro di intensità e velocità al fatto di raggiungere delle prestazioni più elevate, ma ciò non deve sempre essere visto in questo modo", afferma Francesco Rossi, direttore sportivo di Runnea Academy, "è importante mettere in risalto la necessità di sapere come correre in modo veloce", e integrare il lavoro a diverse intensità può essere uno strumento efficace e utile. Come introdurre le serie in modo efficiente sul nostro allenamento?, queste sono alcune dei consigli che dovresti tenere in considerazione quando includi il lavoro di intensità o velocità, o un lavoro intervallato molto breve, nel tuo allenamento, prendi nota!
  4.  Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"

    Mizuno Wave Rider 23 e il concetto "Rider Feel"

    In questa nuova versione della saga di assoluto successo Mizuno Wave Rider, i disegnatori dell'azienda giapponese hanno lavorato per "allontanarsi! dell'estetica classica ha accompagnato a questo modello. Quindi, quest'ultima versione presenta un disegno più attuale sebbene non ci sia discussione sulla coerenza delle prestazioni di questo modello. Le prestazioni continuano a essere di qualità ma con los scopo di migliorare l'esperienza di corsa del corridoio neutro.
  5. Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?

    Non si comincia bene con questo titolare, "Doccia calda o fredda dopo la corsa. Quale è meglio?", Perché un'opzione esclude l'altra e non è questo il problema. Ma uno non è migliore dell'altro, né viceversa. Cerchiamo di essere chiari! Quindi il nostro obiettivo con questo post è quello di esporti a cosa serve ea che ora puoi optare per la doccia fredda o la doccia calda dopo i tuoi allenamenti. O ricorrere anche a bagni contrastanti, se ne hai il coraggio.

© RUNNEA Copyright 2020.