Jogging o corsa: quali sono le differenze tra loro? Quando dovrebbero essere applicate?

Jogging o corsa: quali sono le differenze tra loro? Quando dovrebbero essere applicate?
Stampa |

È molto comune che a volte si confondano concetti come jogging e corsa, quali sono davvero le loro differenze? Fare jogging è la stessa cosa che camminare ? A questo segue un'altra grande domanda per molti di noi: quando dovremmo applicarle ciascuna di esse?

È chiaro che, in un modo o nell'altro, l'esercizio fisico è necessario per conciliare la forma fisica e la salute mentale. Per progredire come corridore, sarà vitale passare attraverso diverse discipline e fare un lavoro di forza. Quindi, con le nostre scarpe da running preferite in mano, iniziamo questo giro di domande.

Correre o fare jogging: quali sono le loro differenze, quando applicarle, dubbi

Il nostro direttore sportivo, Iker Muñoz, risolverà tutti questi dubbi. Inoltre, sapremo quali sono i benefici, la combustione dei grassi e altri fattori associati a ciascuna di queste modalità sportive e se è conveniente combinarle entrambe.

Fare jogging e camminare, stiamo parlando della stessa cosa? Quali sono le differenze tra le due azioni?

No, il jogging è più vicino al concetto di jogging che è a metà strada tra il camminare veloce e la corsa. Per avere un'idea, il jogging potrebbe essere situato in intensità da 7 a 9 km/h.

La differenza principale sta nella velocità del viaggio e nel gesto tecnico. A volte è meno costoso fare jogging a 7 km/h che camminare a questa velocità. I passi durante il trotto saranno più piccoli rispetto a quando si cammina velocemente, il che eviterà l'effetto di asciugatura dell'entrata del tallone quando si cammina molto velocemente (la tibialis anteriore lo apprezzerà).

A sua volta, l'azione delle braccia durante il trotto sarà più vicina a quella della gara. Facendoci cambiare notevolmente il gesto tecnico.

Si dice che la corsa sia un metodo efficace per migliorare il nostro sistema cardiovascolare. Si può ottenere lo stesso risultato con il jogging?

Diciamo che il jogging è un passo prima della gara. Se vogliamo iniziare a correre, dobbiamo prima fare jogging e guadagnare capacità. Pertanto, il jogging genererà anche adattamenti cardiovascolari in persone che non sono abituate a fare esercizio. In questo senso, possiamo dire che si genereranno gli stessi adattamenti generali, ma la loro entità sarà minore.

Ovviamente, una volta che abbiamo fatto esercizio con la stessa intensità per un certo periodo di tempo e con durate ravvicinate, sarà necessario aumentare l'intensità (corsa) o la durata. In questo modo daremo all'organismo uno stimolo per continuare ad acquisire adattamenti e quindi continuare a migliorare.

È possibile parlare del fatto che uno sia più vantaggioso di un altro o viceversa?

Uno può essere più adatto di un altro a seconda di una moltitudine di variabili (esperienza, attività quotidiana, patologie precedenti, obiettivi, ecc.)

Per una persona sedentaria e/o in sovrappeso, nessuna delle due proposte può essere adatta. Allo stesso tempo, le persone che non hanno un obiettivo competitivo possono trovare la corsa molto intensa e preferiscono fare jogging.

In breve, è necessario fare esercizio. Tuttavia, se vogliamo continuare a progredire e migliorare ancora di più il nostro livello di fitness, l'intensità sarà un elemento chiave e questo andrà di pari passo con la corsa. Anche se è possibile alternare le due modalità senza alcun problema.

Jogging o corsa: quali sono le differenze, quando applicarle, i benefici

Dal punto di vista del corridore che sta partendo, fa jogging prima e poi corre più tardi?

Esattamente, sia nel principiante che nell'esperto. La logica indica una progressione nella durata e nell'intensità, sia nel programma di allenamento che durante la sessione.

  • Al corridore che sta muovendo i primi passi in questo mondo si raccomanda di farsi accompagnare da altri di forza. In questo modo potrà progredire e iniziare a correre con fiducia.
  • Per il corridore esperto, una corsetta durante il riscaldamento lo aiuterà a passare senza problemi ad esercizi più impegnativi nella stessa sessione o ad iniziare il recupero alla fine della sessione.

Bruci tante calorie facendo jogging quante ne bruci correndo?

Questo è difficile da determinare, ma maggiore è l'intensità, maggiore è la spesa calorica, anche se altre variabili come l'economia del movimento giocano un ruolo in questo processo.

Anche se non è bene generalizzare, il jogging ha una spesa energetica inferiore rispetto alla corsa.

Quanto tempo e a che intensità bisogna correre per perdere peso?

Jogging o corsa: quali sono le differenze tra loro, quando applicarle, le calorie

Focalizzati su un piano di allenamento personalizzato Come e quando applicare l'uno e l'altro? Si possono e si devono combinare entrambi gli esercizi?

Dipenderà dall'obiettivo, ma sì, entrambi saranno sempre presenti. Il jogging sarà indispensabile nella pianificazione di una buona progressione nei corridori principianti. Questo farà in modo che l'atleta inizi con condizioni fisiche minime. Allo stesso tempo, è essenziale abituare il nostro corpo ai molti impatti a cui lo sottoporremo durante la gara, e a questo scopo il jogging è molto utile.

D'altra parte, il jogging può essere indicato all'inizio di un programma di esercizi o come mezzo per migliorare il recupero tra una sessione e l'altra o all'interno della stessa sessione. Pertanto, è del tutto valido e consigliabile alternare entrambe le modalità, purché si tenga presente l'obiettivo da raggiungere con ciascuna di esse.

Link correlati

  1. Quanto tempo e a che intensità bisogna correre per perdere peso?

    Quanto tempo e a che intensità bisogna correre per perdere peso?

    Abbiamo parlato con il nostro direttore sportivo della Runnea Academy, Iker Muñoz, di quanto tempo e a quali intensità andare a correre, se il nostro obiettivo principale è quello di bruciare più grasso possibile per perdere peso. Rispondiamo alle domande principali
  2. Perché e come usare gli elastici negli esercizi di forza/riscaldamento per i corridori?

    Perché e come usare gli elastici negli esercizi di forza/riscaldamento per i corridori?

    Perché e come usare gli elastici negli esercizi di forza/riscaldamento per i corridori Vi diciamo quali sono i benefici dell'uso delle bande, come farlo correttamente e con quali aree del corpo lavoriamo. L'uso di questo materiale sportivo può essere molto rilevante quando si tratta di avanzare come corridore e di ottenere maggiori prestazioni.
  3. Cosa sono le zone di formazione?

    Cosa sono le zone di formazione?

    Cosa sono le zone di formazione? Nell'allenamento sportivo, di solito dividiamo le diverse intensità di lavoro in zone di allenamento, che a loro volta sono associate a diversi adattamenti. Il modo più comune per determinare queste zone è quello di effettuare diversi tipi di test, sia in laboratorio che in pista, a seconda delle diverse variabili: frequenza cardiaca, velocità, potenza, ecc.
  4. Un elevato volume di chilometri va a beneficio o danneggia il corridore di resistenza?

    Un elevato volume di chilometri va a beneficio o danneggia il corridore di resistenza?

    Un elevato chilometraggio associato ad un aumento esponenziale (in breve tempo) può causare affaticamento indesiderato, mancanza di recupero e aumentare il rischio di lesioni. Se l'aumento di volume (chilometri) è progressivo, segnato nel piano e risponde a un obiettivo o a obiettivi specifici, non avrà alcun effetto negativo.
  5. Le migliori scarpe da running con piastra in carbonio

    Le migliori scarpe da running con piastra in carbonio

    Dopo il regolamento IAAF in materia, le principali marche di scarpe da running da running hanno già aperto il divieto di scarpe da running con piastre in carbonio: massima reattività con buone prestazioni per correre più velocemente e battere i record personali

© RUNNEA Copyright 2020.