25-08-2022 Infortuni nello sport

È consigliabile correre tutti i giorni con scarpe con la piastra in carbonio?

È consigliabile correre tutti i giorni con scarpe con la piastra in carbonio?
Livia Maiorino
Da Livia Maiorino
Running RunTester

Se avete corso di recente una gara, avrete notato che sempre più corridori utilizzano scarpe con piastra in carbonio. E non solo, se dedicate un po' di attenzione a vedere le scarpe running con cui si allenano nella vostra zona abituale, vedrete anche come questo tipo di modello stia guadagnando terreno. Ed è un'evidenza che la piastra in carbonio aiuta a migliorare i tempi in gara e a ridurre al minimo l'affaticamento di alcuni muscoli e articolazioni degli arti inferiori. Ma possiamo usare le scarpe con piastra in carbonio sia per gareggiare che per allenarci ogni giorno?

È bene correre ogni giorno con la piastra al carbonio

La democratizzazione delle scarpe in carbonio

Le scarpe con piastre in carbonio si sono democratizzate. Praticamente tutte le marche hanno sul mercato diversi modelli che le incorporano e i prezzi (anche se in molti casi sono ancora proibitivi), cominciano a scendere sotto la barriera dei 170€, che sembrava essere il minimo per poterne avere un paio.

Secondo diversi studi pubblicati (alcuni dei quali condotti dagli stessi marchi, come Nike, ad esempio) sugli effetti delle scarpe in fibra di carbonio sui corridori, si può concludere che l'uso di questo tipo di calzature potrebbe aiutare a combattere le lesioni nella zona del polpaccio. La piastra rigida in carbonio, in combinazione con la schiuma di accompagnamento nell'intersuola, può ridurre l'affaticamento muscolare, in particolare del polpaccio, del soleo e del tendine d'Achille.

È bene correre ogni giorno con la piastra al carbonio

Cosa significa correre sempre con scarpe da corsa con piastra di carbonio?

Secondo gli esperti è importante tenere presente che tutte le forze d'impatto che vengono provocate durante la corsa, se ridotte al minimo in alcune zone del corpo, avranno un impatto su altre. Alcune delle sollecitazioni causate dalle scarpe in fibra di carbonio possono avere un impatto sulla zona del mesopiede ed è stato anche stabilito che l'uso prolungato combinato con una tecnica di corsa inefficiente può portare a casi di fascite plantare.

Noi di RUNNEA abbiamo voluto dare forza questa teoria, che si trova in diversi studi pubblicati e che possiamo leggere su Internet, con il parere dei nostri podologi Rut Delgado e Toni Fernández Sierra. Secondo Rut, le scarpe con piastra in carbonio sono più adatte ai corridori che hanno una buona tecnica e corrono a ritmi elevati. "In caso contrario, possono causare lesioni perché tendono a essere più instabili di altri modelli che non ne sono dotati. Se non si corre a ritmi elevati, il corridore non otterrà tutte le prestazioni attese. A mio parere, l'ideale sarebbe non utilizzarle ogni giorno per tutte le sessioni di allenamento, ma alternarle con scarpe senza piastra in carbonio. Le considero ideali per le serie e per l'allenamento nei giorni precedenti la gara".

Il prestigioso podologo Rut Delgado conferma la teoria secondo cui questo tipo di modello aiuta a evitare determinati sovraccarichi muscolari .

"Trattandosi di scarpe più reattive, il loro scopo è quello di potenziare la fase di propulsione con un minore dispendio di energia. Questo può tradursi in un minor sovraccarico dei muscoli posteriori della gamba. Ma è anche vero che, d'altro canto, avendo generalmente un'intersuola più alta rispetto ad altri modelli, ciò che fanno è ridurre la propriocezione della pianta del piede. Un aspetto che deve essere tenuto in considerazione anche nei corridori con sensibilità ridotta", assicura Delgado.

Da parte sua, Toni Fernández Sierra ritiene che gli articoli che parlano dell'effetto delle scarpe con piastra in carbonio durante la corsa, osservino miglioramenti nelle prestazioni muscolari dovuti a una diminuzione dell'affaticamento di alcuni gruppi muscolari, nonché una diminuzione dei tempi di propulsione dovuta alla reattività sia delle schiume dell'intersuola sia dell'effetto della piastra in carbonio. Ma sottolinea che "dobbiamo tenere conto del fatto che questi studi sono stati condotti su corridori di alto livello con un'ottima tecnica (e non intendo solo che corrono sull'avampiede), una muscolatura molto ben lavorata e compensata e con molte ore di allenamento alle spalle, quindi non possono essere estrapolati a tutti i corridori".

Come dice Rut, queste scarpe generano instabilità e, se il corpo non è in grado di contrastarla, il risultato finale sarà un aumento dei sovraccarichi e delle lesioni . Ci sono molti altri fattori che ci condizionano e che rendono queste scarpe redditizie e a migliorare i nostri tempi nella corsa, come ad esempio il design dei bilancieri della scarpa, il profilo, il drop, il tipo di materiale con cui è stata realizzata la piastra in carbonio (ci sono piastre che sono progettate con altri materiali per motivi di flessibilità, reattività, prezzo...), lo spessore delle placche, la posizione nell'intersuola, il disegno (punti di flessione, se sono interi o solo dal mesopiede in poi, placche doppie, disegni bifidi....), le caratteristiche delle schiume che accompagnano queste lastre sia al di sopra che al di sotto. Con questo intendo dire che non solo utilizzando una scarpa con piastra in carbonio migliorerete i vostri tempi, ma dovrete scegliere il modello che meglio si adatta alle vostre caratteristiche, al vostro ritmo, ecc... e allenarvi affinché il vostro corpo assimili tutti quei benefici generati da queste scarpe speciali. Solo in questo caso si noterà un reale miglioramento dei tempi.

Qual è la soluzione migliore?

È bene correre ogni giorno con la piastra al carbonio

In conclusione, possiamo sempre correre con scarpe con piastre in carbonio? Il rischio di lesioni aumenta se si corre con le stesse scarpe giorno dopo giorno. Gran parte delle lesioni da corsa sono causate da sforzi ripetitivi. In altre parole, correre con le stesse scarpe sullo stesso terreno aumenta le probabilità di infortunio. Un approccio più equilibrato consiste nell'evitare di correre sempre con lo stesso paio di scarpe e nel variare il terreno su cui si corre, alternando asfalto, piste, sentieri.In questo modo si riduce il rischio di lesioni e si aiuta il corpo ad adattarsi a nuove zone di impatto, rafforzando al contempo diverse parti della muscolatura.

Livia Maiorino

Livia Maiorino

Running RunTester

Hai scritto: