Running: Scarpe da corsa

Allenarsi rimanendo a casa: non bisogna interrompere l'attività fisica

Allenarsi rimanendo a casa: non bisogna interrompere l'attività fisica
per Alba Dalù Stampa |

Correre è consentito, da soli, nel rispetto delle norme e vicino casa, ma non ovunque. In Sicilia ad esempio è stata emessa un'ordinanza con misure particolarmente restrittive al fine di limitare i contagi da coronavirus per cui la corsa è categoricamente vietata. 

Allenarsi a casa, coronavirus

In merito alle questioni parchi e giardini pubblici, una nuova ordinanza del ministero della Salute, valida dal 21 al 25 marzo (almeno per ora) ha imposto la chiusura di tutti i parchi e delle aree verdi. Iniziativa già presa da singoli sindaci e rappresentanti regionali a fronte del mancato rispetto delle normative da parte di molti cittadini.

Allenarsi a casa #IOSTOACASA

Allenarsi a casa, corsa

Oltre al ripetuto consiglio di restare a casa, le misure adottate, al finde di limitare i contagi da coronavirus, sono quindi sempre più restrittive e, mentre le opinioni di medici e sportivi si dividono sull'andare a correre in solitaria o meno, di fatto molti sportivi restano a casa ma non si arrendono. Anche rimanendo a casa si può resistere, almeno su una cosa tutti si trovano d'accordo: non bisogna interrompere l'attività fisica. E se non si possono rispettare le abitudini di sempre, si può comunque trovare il giusto compromesso.

Tapis roulant o corpo libero

Mantenere o riscoprire un buon livello di attività motoria è utile per mantenere un'ottima condizione di salute, sia fisica che mentale. Il primo consiglio è naturalmente utilizzare un tapis roulant e una cyclette, i costi oggi sono accessibili anche per un buon prodotto. Sul sito di Runnea è possibile prendere visione delle offerte dei macchinari per gli allenamenti

Per chi pensa che il tapis roulant sia noioso, è possibile seguire alcuni accorgimenti che renderanno più appetibile la corsa. Intanto impostare dei circuiti, con variazioni sia di velocità che inclinazione. Alcuni strumenti oggi dotati di schermi danno anche la possibilità di simulare dei percorsi reali

Allenarsi a casa, aria aperta

Non si sentirà il soffio del vento sul volto o il profumo dei fiori, ma si eviterà lo smog, gli starnuti per le allergie e si scaricherà la tensione.

Per chi non ha attrezzi a casa, un tapis roulant o una cyclette, nulla è perduto. Gli amanti della corsa spesso sottovalutano gli esercizi di potenziamento o stretching. Sarà necessaria almeno mezz'ora al giorno. Possono essere utilizzati strumenti domestici come sedie, bastoni o bottiglie o possono essere svolti esercizi a corpo libero. Fondamentale è naturalmente la costanza.

Quali sono i vantaggi per chi sceglie gli esercizi di potenziamento?

Un aspetto da non sottovalutare per quanti si dedicano alla corsa è allenare i muscoli che sostengono una corretta postura e che contribuiscono al movimento. Generalmente il runner si concentra sulle gambe sottovalutando altre parti indispensabili del corpo. Addominali, schiena e glutei sono soltanto un esempio dei muscoli che richiedono una particolare attenzione per ottenere una buona performance ma anche per evitare problematiche fisiche. 

Allenarsi a casa, stretching

Molti atleti o comunque chi corre abitualmente soffre di mal di schiena, ciò è dovuto ai colpi che schiena e colonna vertebrale subiscono nel contatto del piede con la superficie, ecco perché è importante praticare una serie di esercizi che rafforzino i muscoli della schiena. Questi danno poi stabilità. Per ottenere performance e risultati migliori, è opportuno allenare la resistenza ma anche la forza.

Si rivela fondamentale l'allenamento della forza in ogni sua declinazione in quanto serve a migliorare l'economia energetica di quanti si allenano, ad ottenere segnali positivi tanto negli sprint finali quanto nei cambi di ritmo. Per quanto riguarda la parte muscolare, è necessaria un'azione coordinata ed equilibrata. Ultimo ma non per importanza, lavorare sulla forza aiuta a ridurre gli infortuni.

Come e cosa fare

Sono numerose le iniziative che propongono di praticare allenamenti in diretta web. Non solo i centri sportivi qualificati, anche gli allenatori o le associazioni si sono attrezzate in modo da offrire dirette sui maggiori canali social, così da poter praticare un allenamento in modo guidato o praticare allenamenti di gruppo. Alcune facoltà di scienze motorie hanno poi caricato numerosi tutorial su Youtube. Ma quali sono nello specifico gli esercizi consigliati per l'allenamento indoor?

Il core training in primis, gli esercizi rivolti all'area addominale e al bacino. Rientra in questa tipologia il plank ad esempio. Addominali e dorsali non devono mancare. Così come gli affondi. Bisogna prestare attenzione naturalmente a non spingere molto.

Il parere dei professionisti

A scegliere l'allenamento indoor sono anche molti volti noti. Primi tra tutti Marco De Gasperi ed Elisa Desco, volti riconoscibili per la corsa in montagna. In un'intervista rilasciata a Repubblica la coppia che ha optato, con non poche sofferenze, alla corsa sul tapis roulant, suggerisce a quanti non hanno la stessa possibilità alcune soluzioni: «Ci sono degli esercizi stupendi di step. Bastano un paio di gradini o una sedia. 

Allenarsi a casa, velocitá

Per i più allenati lo skip sul posto è sempre una soluzione intelligente, come la corsa calciataCi sono poi gli esercizi di plank: si poggiano gli avambracci a terra in posizione parallela tra loro e in linea retta con le spalle e poi si sceglie se restar fermi o se muovere alcuni arti. Se poi siete abituati alla palestra, tutta la gamma di squat e piccoli salti possono donarvi endorfine e potenza muscolare».

Tra coloro che opta per il restare a casa anche Giorgio Calcaterra. Una decisione dettata dalla chiusura dei parchi nella Capitale e determinata quindi da una situazione di necessità. La sua idea resta però sempre la stessa, lo sport è l'arma per vivere in salute. Chiaro il suo appello che arriva dalle pagine della Gazzetta dello Sport: "Dobbiamo osservare i divieti - e continua - E se si vuole andare a correre, facciamolo presto, prestissimo. Ovviamente poi se uno vive in campagna, dove non c'è anima viva, può farlo nelle ore successive".

Le alternative all'allenamento all'aperto non mancano, sono compromessi, servono per resistere.

Link correlati

  1. Coronavirus, il consiglio è rimanere a casa: così si divide il mondo della corsa

    Coronavirus, il consiglio è rimanere a casa: così si divide il mondo della corsa

    Nell'Italia che è ormai interamente zona rossa, sono numerosi i dubbi relativi all'attività motoria e sportiva, in particolare alla corsa. In meno di una settimana sono stati approvati tre decreti, con l'intento di limitare i contagi da Coronavirus, contagi che hanno mantenuto, si ricordi, un andamento costante.
  2. Gli intervalli, questi sconosciuti

    Gli intervalli, questi sconosciuti

    Sei pronto a scoprire come migliorare il tuo rendimento con l'allenamento intervallato? Ci sarà capitato spesso, durante le nostre sessioni di allenamento, di vedere altri runners correre a tutta velocità, fermarsi e poi riprendere allo stesso ritmo rapido. Ma cos'è che stanno facendo?
  3. Correre ai tempi del Coronavirus

    Correre ai tempi del Coronavirus

    Le costanti notizie sul Coronavirus e i continui contagi destano preoccupazione, le misure prese dal Governo impongono misure severe ma necessarie affinché l'epidemia si blocchi. Il mondo dello sport, e nello specifico della corsa, è coinvolto in prima linea nelle restrizioni ma non tutto è perduto. Vediamo nello specifico qual è la situazione e quali soluzioni saranno praticabili nei prossimi giorni.
  4. 9 italiani su 10 credono che lo sport rappresenti la chiave per essere felici, e in particolare la corsa

    9 italiani su 10 credono che lo sport rappresenti la chiave per essere felici, e in particolare la corsa

    Che sia veloce o che sia lenta, che sia breve o lunga poco importa. La corsa è un'attività che aiuta a stare bene. I passi scanditi dal tempo e battuti sull'asfalto nascondono benefici non soltanto fisici. A dirlo sono gli stessi italiani. Secondi i dati elaborati dall'Istituto Piepoli dello scorso anno per Runeconomy, 9 italiani su 10 credono che lo sport rappresenti la chiave per essere felici, e in particolare la corsa.
  5. Sei pronto a correre con un running coach?

    Sei pronto a correre con un running coach?

    Negli ultimi anni il mondo del running è cresciuto in maniera esponenziale, sempre in più persone è cresciuta la"febbre del running", e così in tanti percorrono chilometri e chilometri di strade e parchi per i più svariati motivi. L'obiettivo è sempre lo stesso, migliorare le proprie capacità fisiche senza farsi male, ma correre non significa solo mettere un piede davanti all'altro!

© RUNNEA Copyright 2020.