Brooks Cascadia 12: Recensione

Stai vedendo
Brooks Cascadia 12
Confrontare
Brooks Cascadia 12 PVPR Brooks:130 €

Opinione dello specialista 8/10

Opinioni degli utenti N/A

Qualche dubbio? Consulti il nostro specialista

Che pensi di questa Brooks Cascadia 12?

I migliori prezzi sul mercato:

Brooks Cascadia 12
Amazon
Genere:
Colore:
Taglia:37
Brooks Cascadia 12 ? Scarpe da Trail Running
Amazon
Genere:
Colore:
Taglia:36
Brooks Cascadia 12 Blue Lime
Nonsolosport
Genere:
Colore:
Taglia:4142
Cascadia 12 Rosso Blu 1102431d698
Street Pro Running
Genere:
Colore:
Taglia:4142

Carattere alpino per una grande calzatura da montagna

Review Brooks Cascadia 12 - foto 1

La nuova revisione delle veterane  Brooks Cascadia ci arriva nella sua dodicesima edizione con un insieme di dettagli che la elevano a grandi altezze e non si potrebbe usare metafora migliore visto che ha guadagnato di carattere alpino e ora sono più pronte per Trails e  Ultras più tecnici di quelli a cui finora ci aveva abituato. 

Rinforzano nei punti dove c'è necessità e la suola che è stata il tallone di Achille di questa serie per molto tempo sembra che si avvicina ora di più agli standard più elevati, con un tacco più marcato e una grande trazione in tutti i tipi di terreno, senza dubbio la Cascadia 12 es una grande calzatura da montagna. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 2

I numeri più importanti delle Brooks Cascadia 12

10 mm di differenziale con 5 mm di tacco e 350 grammi di peso, siamo davanti ad un "carro armato" da montagna, tutta quella protezione che mostrano si vede e mantengono un differenziale classico. Diretta ad un chiaro pubblico, qualsiasi persona che voglia una calzatura da montagna, dura, polivalente, per affrontare con garanzie le Ultras che si avventurano a 3 mila metri, per chi cerca protezione e sicurezza nell'appoggio durante le sue escursioni in montagna queste Brooks Cascadia 12 si riveleranno un grande alleato.  Non ti porteranno ad un km verticale nè ti faranno "volare" in terreni pianeggianti, ma sicuramente nel  plotone del "Trail running" hanno un posto assicurato. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 3

Tomaia

La tomaia delle Brooks Cascadia 12 viene rinforzata, un doppio mesh traspirabile le dà la forma, mentre delle multiple inserzioni e termosaldati plastici formano un esoscheletro che apporta una grande fermezza a tutto l'insieme, il sistema di chiusura, leggermente asimmetrico, ha dei lacci intessuti con filo che avvolge il collo piede a lo abbracciano in modo efficace e comodo. 

Da un lato una linea plastica attraversa la tomaia dalla parte bassa del tallone, proprio dal PIVOT posteriore esterno per aiutarsi con il logo della Brooks a formare una corazza che funge sia da protezione che come elemento della tomaia senza lasciare da parte un'estetica molto curata. 

Le Brooks Cascadia sono sempre state un modello con un disegno che o ti piace o non ti convicono proprio ed io personalmente mi trovo nel primo gruppo poiché vedo un così studiato sistema di dettagli nonostante siamo davanti ad un disegno poco convenzionale, mi attraggono tanto, forse proprio per questo, perchè non sono per niente convenzionali e in questo modello che ho provato persino i colori mi sono risultati molto attraenti. 

La linguetta spessa della cui parte media esce una stoffa che la unisce al resto della tomaia per evitare l'entrata di pietruzze, è molto imbottita ma risulta essere comoda. Il logo classico identificativo delle innevata cordigliera della  Cascadia nel modello 12 si posiziona in mania anche di protagonismo proprio al centro. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 4

La protezione frontale è doppia ed è formada dall'estenzione parziale della suola che copre la punta delle dita nella zona centrale e da altro materiale plastico nella restante zona, questa si estende dai PIVOT, sebbene una frangia di materiale più sottile ricorre lungo i fianchi della scarpa dando protezione, corposità ed eleva il punto dove inizierebbe ad entrare l'acqua se calpestassimo una pozzanghera o ci ritrovassimo ad attraversare un ruscello. 

Il tallone, con un marcato contrafforte, che aiuta a fornire sicurezza e fermezza ad ogni passo, e nonostante avvolto internamente con una quantità giusta di schiuma perchè non ci faccia una minima irritazione e perchè tratti coi guanti il nostro tendine di Achille, si accomoda proprio sull'intersuola, che con la sua forma concava forma una culla di protezione molto funzionante. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 5

Intersuola

L'usuale binomio usato dalla Brooks per l'intersuola delle Cascadia continua ad essere il BIOMOGO DNA e spieghiamo brevemente di cosa si tratta e come funziona questo composto che in realtà sono due: da una parte il BIOMOGO  e dall'altra il DNA:

  • Brooks DNA  è un sistema di ammortizzazione adattabile che si adatta (scusate la ridondanza) al peso dell'individuo, al ritmo e alla superficie di contatto.  Il DNA offre un'ammortizzazione personalizzata ed imprime un ritorno di energia adattato allo stimolo che riceve. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 6

Come funziona?

Il DNA della Brooks è fatto di un materiale non newtoniano o, detto in parole più semplici, di un materiale che si adatta alla forza specifiche che gli si applica. 

Se si guardasse il DNA di Brooks attraverso un microscopio si vedrebbe che è composto da molecole individuali collegate in filamenti. Questi fili ( che formano delle catene) reagiscono alla quantità di forza che imprime il piede, disperdendo la pressione e fornendo un rimbalzo. Con questo si ottiene un'ammortizzazione adattata che reagisce al peso specifico, al ritmo, al movimento e all'ambiente di uso. Un tipo di ammortizzazione individualizzata. 

  • BioMoGo DNA  è una mescola di DNA con l'intersuola BioMoGo per garantire ammortizzazione attraverso di essa e situandola proprio nel tallone e nell'avampiede. 
    L'intersuola BioMoGo DNA include un additivo organico non tossico che biodegrada la suola in media 50 volte più rapidamente rispetto alla tradizionale EVA una volta consumata ed esausta. Questo si avviene in contatto con i microbi anaerobici della discarica.

Riporta un 30% in più di ammortizzazione rispetto ai meteriali standard utilizzati nelle intersuole tipo Gel o EVA e ci offre una transizione leggera dal tallone alla punta. 

Abbandoniamo ora la Fisica e concentriamoci sulle sensazioni. Nonostante l'esperienza del runner e di più per questo modello sia sempre particolare, questa intesuola ci garantisce una comodità e una sicurezza come poche che troverete sul mercatoò L'amabilità che ci offre il materiale senza fissarci troppo sul rendimento è da apprezzare in qualsiasi momento  della corsa e la sicurezza nell'appoggio che apporta il sistema PIVOT con questi quattro punti differenti di appoggio sono un elemento differenziale  che insieme alla piastra anti roccia inclusa, permette di affrontare liberamente le discese e lanciarsi con una grande sensazione di sicurezza. 

Questo è stato un elemento che ho adorato di questa calzatura, la fermezza nell'appoggio sia in materiali come rocce e anche in sentieri, noti quando la scarpa sta giocando in tuo favore mentre voli durante la discesa e le utilizzi per fare quegli appoggi "impossibili" quando le scarpe vuoi avvicinarti a chi ti precede o semplicemente devi schivare qualche tronco caduto formando una curva stretta. Questa sicurezza di cui hai bisogno per il salto successivo me l'hanno data sempre di più queste Cascadia e per questo hanno guadagnato un posto nel mio zaino. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 7

Suola

Il nuovo disegno della suola, riducendo il numero dei tasselli e dandogli più profondità, sembra aver sviluppato questo "nuovo uso" delle Brooks Cascadia lasciando, come sempre, intravedere questa piastra anti-roccia e con una strana, qui devo dirlo, disposizione dei tasselli dalla punta al mesopiede, che formano una V che in teoria, applicata nella parte posteriore della scarpa ci aiuterebbe a frenare e che normalmente nelle altre suole troveremmo differenziati attraverso un uso di una V invertita nella parte anteriore, disposizione più convenzionale. In questa parte troviamo una linea di tasselli esagonali esterni e un'altra linea di tre tasselli al lato di ciascuno di quelli centrali che uniti formano la tradizionale V inversa... un'immagine vale più di mille parola e qui lo vedete perfettamente. 

Sia come sia, la suola aderisce perfettamente soprattutto in discesa. Devo dire  che con queste scarpe ho attraversato ruscelli durante una Ultra nel Sobrarbe e non mi hanno dato alcun segno di slittamento, attraversando il primo di essi con diffidenza e senza cercare qualche roccia che potesse aiutarmi a non bagnarle troppo in modo da poter testare anche il loro comportamento sul bagnato. Magari l'espulsione di acqua non è tanto forte, ma l'aderenza sulle rocce circostanti è stata molto buona.

I PIVOT sovradimensionati continuano a perimetrare la suola e a guidare l'appoggio servendo come elemento stabilizzatore e nel caso che ci serva, mediante questo tassello rettangolare tanto marcato si unisce al sistema di trazione in modo efficiente. Così anche nella parte del mesopiede, è questo il punto che serve da flessione alla scarpa. 

Nei 200 km che ho realizzato durante il test, non ci sono stati indizi di un'usura prematura, sebbene già sappiamo che la sua composizione non passa sul nero asfalto e personalmente mi preoccuperei nel fare molti km da casa alla montagna conoscendo che l'asfalto "mangia" tanto una gomma come questa. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 8

Conclusioni

La divisione, o per dire meglio, l'inclusione del modello "Caldera" nella serie per il  Trailrunningda parte della Brooks Running. è derivato dal fatto che le Cascadia procedono bene fino alla cima delle montagne. Una suola migliorate e un'aggiunta di protezioni che la convertono in uno dei migliori opzioni per le ultra. Sebbene questo loro peso sia l'unico "ma" che possiamo relazionare a questa calzatura, bisogna aggiungere che realmente essa è stata creata per le discese.Sicuramente se l'intento è quello di acquisire velocità soprattutto nelle gare, sono abituato a prediligere delle scarpe molto più leggere e questo è l'unico handicap che trovo in esse.  

Tutta la protezione e la trazione che guadagnano sono alla base dell'aggiunta di materiali e ciò penalizza il peso finale, qualcosa che evidentemente era già risaputo quando è stata creata e che il runner dovrebbe già aspettarsi, in effetti ci sono anche modelli più pesanti ma non penso che apportino così tanta protezione o siano così versatili, motivo per cui queste Cascadia hanno guadagnato punti senza perdere di vista il fatto che di permette comunque di affrontare lunghi tratti per le piste forestali che tante volte attraversiamo in cerca della meta. 

Review Brooks Cascadia 12 - foto 9

PRO

  • Solidità 
  • Protezione 
  • Ammortizzazione
  • Comodità
  • Versatilità
  • Sensazione di sicurezza

Punti da migliorare

  •  Una riduzione del peso sarebbe un grande elemento di miglioramentoReview Brooks Cascadia 12 - foto 10

Valutazione del tester di Runnea

  • Ammortizzazione: 9
  • Leggerezza: 7.
  • Flessibilità: 8.
  • Reattività: 8.
  • Stabilità: 9,8.
  • Grip: 9.

© RUNNEA Copyright 2019.