Joma SuperCross

Joma SuperCross
Joma SuperCross
Prezzo originale Joma 100,00 €
Da 51,00 € Su 4 Negozi
Avviso di prezzo
Confronta

Servizi

Leggerezza
Ammortizzazione
Flessibilità
Risposta
Stabilità
Grip

Caratteristiche

Id
Values
Genere Uomo
Peso 290gr
Drop 10mm
Ammortizzazione Neutro
Costituzione Leggero , Medio
Impronta Neutro
Superficie Asfalto
Uso Allenamento
Ritmo Medio
Piede Normale
Appoggio del piede Tallone

Joma ha fatto di tutto per reinventarsi e con un chiaro impegno di innovazione ha introdotto un nuovo concetto nella sua calzatura tecnica per la corsa: il taglio del filo. Questo innovativo sistema sostituisce le microfibre nel taglio con fibre di poliestere leggere e traspiranti, con il risultato di una perfetta vestibilità per il piede del corridore e un look più moderno.

E con questo concetto viene presentata la scarpa da Joma SuperCross, il nuovo modello per i corridori del produttore spagnolo con il quale cerca di posizionarsi in posizioni di leadership nel mercato competitivo della running.

Joma SUPER CROSS

Adattamento del piede alla scarpa totale

Quindi, il punto di forza del nuovo Joma SuperCross sta nell'ottenere un adattamento e una regolazione totale del piede alla scarpa. E a questo scopo, l'azienda ha anche scelto di aggiungere una fodera interna senza cuciture e un cuscinetto per la suola, per migliorare la vestibilità. Inoltre, un elastico iniettato è in grado di fornire il supporto necessario solo dove è necessario.

D'altra parte, i rinforzi del tallone e della punta non solo garantiscono una calzata più ottimale, ma conferiscono anche una maggiore stabilità al piede.

Intersuola ad alto profilo

Joma

Parlando di un'impronta più stabile, un'altra delle caratteristiche più significative della Joma SuperCross è l'ammortizzazione. L'intersuola ad alto profilo incorpora la tecnologia Phylon Blow UP, rinforzata con le linee di flessione naturale del piede all'esterno. Il risultato: impatto ridotto, ma anche una spinta alla fase di sollevamento del piede, grazie all'effetto di rimbalzo fornito da questo materiale.

All'interno dell'intersuola, il sistema Full Dual Pulsor -una combinazione di due densità di phylon- aumenta la stabilità.

Con il sistema Flexo, le linee di flessione si estendono alla gomma della suola, avvolgendo il piede e consentendo una flessione più confortevole. La gomma di lunga durata è anche altamente resistente all'abrasione e le diverse forme del sistema di bloccaggio si adatteranno alle esigenze dei corridori in ogni area.

Joma

Maggiore comfort e maggiore stabilità di calpestio

L'interno della SuperCross è stato realizzato con l'esclusivo sistema a 360º di Joma, che intensifica il concetto di comfort e regolazione di questo modello. Allo stesso tempo, è dotato di rivestimenti interni più resistenti e di un plantare più stabile.

Con tutto questo, il nuovo Joma SuperCross entra a far parte del segmento delle scarpe da running per l'allenamento intenso, adatte alla corsa su pavimentazione in cemento o strade sterrate compattate. Progettato per corridori di peso medio-alto con un'impronta neutra.

La SuperCross è una valida opzione per tutti quei corridori che cercano una buona ammortizzazione e resistenza, ma anche grande leggerezza e libertà di movimento. Correre con la sensazione di andare quasi a piedi nudi.

Joma Super Cross colori

Joma

Joma

Review da Joma SuperCross

Redazione

Redazione

Tester

7.8 7.8

Joma supercross

Joma è un marchio estremamente conservativo nell'utilizzo di materiali o tecnologie e questo si riflette anche nel loro catalogo prodotti dove vediamo gli stessi modelli stagione dopo stagione per anni.

Infatti, alcune delle aggiunte che hanno fatto, sono durate un sospiro, come è successo con il Joma Sprint I che, pur avendo contribuito con cose interessanti rispetto ai compagni che aveva allora nel catalogo dell'azienda toledana (per esempio la suola funzionava molto meglio del Joma Hispalis o Carrera di quel tempo), non sono durate nel tempo. Beh, è arrivata una seconda versione, ma è passata ancora più inosservata della prima.

E, beh, non parliamo delle Joma Shark che alcuni di noi si stanno ancora chiedendo perché non hanno continuato un modello che avrebbe potuto aprire molte possibilità all'interno del segmento di allenamento per i corridori dei pesi medi.

Negli ultimi due anni sembra che le cose siano un po' cambiate e, anche se non posso dire se si tratta di un cambiamento di strategia o solo di una boccata d'aria fresca, il fatto è che stanno osando includere cose nuove con una certa frequenza, sia nei materiali (ad esempio i Blow Up che includono in alcune mezze buche) che nei modelli Fast, Sierra, Trek, ...).

Ma non esageriamo, facciamo un passo alla volta.

Intersuola e imbottitura

L'intersuola delle SuperCross è costituita da due fogli di Phylon che vediamo chiaramente differenziati dal loro colore.

In basso, più vicino al suolo e in bianco, uno strato abbastanza solido, che è responsabile della creazione di una buona base, fornisce stabilità, impedisce movimenti laterali indesiderati, e così via. Sopra di esso, in arancione, uno strato leggermente meno sodo (o più morbido, a seconda di come lo si guarda) in modo che, essendo più vicino al piede, dia una certa sensazione di comfort e non si senta un mattone quando lo si calpesta. La proporzione del composto meno fermo (quello colorato) non varia troppo tra il tallone e la punta ma quello bianco (il più fermo) diminuisce la sua presenza fino a rimanere nella punta in, praticamente, la terza parte di quello che c'è nel tallone.

La sensazione generale è solida e può scioccare molti di coloro che tendono ad associare lo spessore dell'intersuola al tatto, pensando che, essendo spesse, devono essere morbide.

Comunque, fate attenzione, perché non sono così alte come appaiono dall'esterno ed è qualcosa che attira l'attenzione quando le indossate e quasi vi costringe a prendere una misura per essere sicuri. Una volta fatto questo, si scopre che il tacco è alto 27 millimetri che, essendo più o meno al centro (forse nella parte inferiore), è meno di quanto mi sarei aspettato quando li ho tolti dalla scatola. La caduta sarà di circa 10 millimetri, quindi la punta sarà di circa 17 millimetri.

È una caduta medio-alta ed è così che ci si sente, ma quando ci si muove e anche quando non ci si muove, la sensazione è curiosa perché si potrebbe sentire un po' meno il dislivello.

Joma Joma supercross

Nella parte posteriore e mezzo, è stato sufficientemente segmentato, quasi a tagliarlo completamente per configurare uno dei cosiddetti "crash pad" che permettono una certa flessibilità e un ingresso abbastanza progressivo dell'impronta. Questo è stato fatto, ovviamente, solo all'esterno perché, all'interno, è stato lasciato in forma di blocco per offrire il contrario: sostegno e stabilità. È interessante notare che hanno eliminato completamente le parti rigide come lo Stabilis che hanno tradizionalmente usato per dare rigidità al mesopiede.

La flessibilità che hanno raggiunto è abbastanza buona e, anche se il retro è un po' piegato, non è affatto male perché gli conferisce un certo dinamismo. Chi ha bisogno di più resistenza nella parte posteriore, dovrebbe andare alle Hispalis XVI. Mi è piaciuto di più il flex anteriore perché, anche se non è troppo flessibile, non "taglia" o si piega bruscamente, ma semplicemente si inarca e ha un certo rimbalzo che si apprezza quando ci si muove velocemente.

Joma supercross

Per quanto riguarda il twist, più o meno la stessa idea perché dal centro permettono un certo "avvolgimento" che non toglie loro stabilità e permette loro di essere un po' meno grossolani di altri modelli in casa.

Sole

La suola delle Supercross è una delle poche in casa che non metterò più ostacoli che lodi. Penso di averlo fatto solo in uno o due altri modelli e non è perché ne vado pazzo, perché fanno alcune cose molto bene, ma hanno certi "difetti congeniti" che trascinano ripetutamente in tutti i loro modelli.

In questo caso, la filosofia generale è ancora intatta, la stessa che funziona così bene per voi: molta copertura di gomma sulla suola (non si lascia in aria l'intersuola), molto placcaggio, un buon spessore (quattro millimetri di gomma, quasi nulla!), ecc.

Joma Joma supercross

Tuttavia, in questo caso, la chiave sta forse nella durezza della gomma utilizzata, che, secondo loro, è di 70, inferiore ai 90 che hanno usato nelle Atomic e, molto probabilmente, inferiore al resto dei loro modelli classici (Hispalis, Carrera, ...).

Questo ha un impatto sulla loro durata, naturalmente, ma non credo che la riduzione del numero di chilometri a cui possono aggrapparsi sia significativa (non ho notato alcuna usura precoce) e, in cambio, guadagnano molto in termini di aderenza, soprattutto su superfici lisce e bagnate, dove tendono a pattinare quasi come il ghiaccio.

Joma supercross

Non si distinguono ancora in questo aspetto, ma si può osare con loro anche se si vede che ci sono possibilità di pioggia. Sul resto delle superfici, le solite, grandi prestazioni su tutte le superfici. Inoltre, in questo caso, si possono anche usare quando c'è uno striscio perché, anche se si conserva un po', non diventano un mazacote.

Molto apprezzata è anche la configurazione dei tagli tra i tacchi e la scanalatura longitudinale che permettono alla suola di lavorare insieme all'intersuola per consentire un ciclo del piede decente e per evitare che il piede cada a terra, cosa che ho criticato anche altri modelli Joma e, come si vede nelle Supercross, sanno come trattarlo in modo che non succeda.

Joma supercross

Non si tratta solo delle due grandi fessure trasversali di flessione (Flexo, le chiamano), ma anche di come esse si siano separate per mezzo di una fessura longitudinale il terzo esterno e i due terzi interni in modo tale che entrando con il piede leggermente supinato, esso sia sostenuto a poco a poco.

Non è una suola eccezionale, ma ora possiamo dire che è all'altezza di ciò che ci si aspetta da una buona scarpa.

In alto

La tomaia è dove hanno messo il resto, è quello che promuovono di più sulle Supercross. La verità è che è molto cool e funziona molto bene.

Si tratta di un pezzo di una maglia a due strati in cui l'esterno è una sorta di cosiddetta "maglia ingegnerizzata" (mi ricorda molto le scarpe da corsaPegasus 31 l'interno è senza cuciture, con un sottile strato di tessuto con un tocco molto morbido che permette di utilizzarle senza calze se si vuole.

Joma supercross

Sono abbastanza traspiranti e resistono all'attrito in modo decente, sia il tessuto stesso che grazie ai rinforzi di cui è dotato, sia cucito che incollato a caldo e che servono allo stesso tempo a dargli struttura.

Il puntale lo protegge come sempre, ma con un rinforzo termicamente attaccato e senza proteggi alluce, così hanno rotto due delle loro tradizioni, ma penso che gli si addica e guadagnano molto in comfort e larghezza, senza perdere forza nella zona.

Joma Joma supercross

Il gioco della maglia esterna è molto simile a quello che fanno quasi tutte le marche, ma forse hanno bisogno di migliorarlo un po' per ottenere una certa elasticità che altri hanno raggiunto. Diamo ai Toledani un voto di fiducia per vedere se possono migliorarlo per le future edizioni.

A metà del piede penso che si siano fidati troppo della capacità di questa griglia di dare struttura perché ci sono solo due strisce che escono dalle asole 1 e 3 e la "J" del logo che esce dalle ultime asole, ma già verso il tallone. Teoricamente cercano il dinamismo e che la tomaia si adatti bene al piede, cosa che indubbiamente ottengono, ma penso che a metà del piede sia preferibile andare troppo lontano con la calzata piuttosto che andare troppo corto, quindi penso che lo rinforzerebbe un po'. Non con soluzioni grossolane o esagerate ma semplicemente con qualche altra striscia termicamente attaccata o semplicemente con qualche striscia o filetto/linea dal terzo o quarto occhiello. Il caso è quello di cercare qualcosa che limiti l'eccesso di deformazione e che tenga saldamente il piede nella sua zona centrale.

Joma supercross

L'occhiello si trova su una striscia termoincollata, quindi si piega molto facilmente e non esercita alcuna pressione indesiderata o forme strane quando si piega durante il ciclo di calpestio. I lacci, semipiatti e normali, non danno fastidio e fanno bene il loro lavoro, essendo separati dal nostro piede da una tipica linguetta da scarpa da corsa (della griglia), con un'imbottitura media.

Quello che non mi è piaciuto è che non ha un'asola in più (come succede con le Atomic) che, data la larghezza del collare, può essere un mal di testa per chi ha le caviglie sottili. Non è il caso di dare loro la suspense perché è una vestibilità decente, ma chiunque sia abituato a indossare una caviglia stretta non si sentirà a suo agio. Ma il collare è ben imbottito e morbido, cosa che suppongo alleggerirà con l'uso come è sempre successo con questo tipo di imbottitura in schiuma.

La consistenza di questa zona posteriore è molto buona, con un vero e proprio contrafforte da gentiluomo, non hanno tagliato un capello ma forse un po' mascherato il loro lavoro dalla grande larghezza alla base. La cosa curiosa di questo contrafforte è come finisce, dato che non è una discesa "diagonale" sui lati, ma fa una specie di "picco". Cioè, scende dal tallone al centro del piede e poi si gira all'indietro, facendo una specie di ala (almeno questa è la sensazione che ho quando la schiaccio, anche se non potevo essere sicuro che fosse la strada giusta e, mi dispiace, ma non intendo distruggerla quando è quasi nuova, forse quando è già vecchia e distrutta la guarderò).

Joma Joma supercross

Detto questo, un buon superiore che si spera sia il passo definitivo di Joma verso il rinnovamento delle sue tomaie. Vediamo se sono fortunati e non tornano alle loro vecchie tomaie come hanno fatto prima dopo aver fatto delle buone tomaie (ad esempio con Titanium XIV e Shark) e tornare a cose più tradizionali.

Ultimo

Ampio, abbondante, su tutta la scarpa, questo è il riassunto.
Non sono una scarpa come le Fast, ma sono abbastanza sciolti in tutte le dimensioni, la più standard è la punta, la fine di esso.

Per il resto, c'è molto spazio per inserire, ad esempio, se necessario, uno stencil personalizzato, che dovrebbe adattarsi perfettamente sia nello spazio che alla base, piatto e senza marcare troppo l'archetto.

Joma Joma supercross

Gli obiettivi possono essere ampliati a vostro piacimento mentre fate un passo, l'arco è leggermente evidente all'interno, ma è la tomaia, non l'intersuola, e nel tallone, lo spazio per tuti plen.

Poiché non sono per il volo basso, non è un problema perché la calzata non può essere stretta al massimo e non credo che lo spazio permesso dal collare sia troppo problematico se non come detto prima delle caviglie molto sottili o, beh, forse per chi ha plantari del tallone molto alti che possono notare che il piede è un po' fuori posto perché non sono molto alti nella zona del malleolo e dell'achille.

Per quanto riguarda le dimensioni, manterrei come riferimento le dimensioni degli Stati Uniti.

Dinamica

E' difficile valutare questa sezione in modo globale perché le dinamiche delle Joma SuperCross hanno cose buone e regolari in parti uguali.

Ho già detto che la flessibilità è abbastanza raggiunta, ma il tocco deciso che ha l'imbottitura non ha abbastanza rimbalzo per far sparare fuori il piede quando mettiamo la forza a terra con quelle che non sono scarpe particolarmente agili. Non sono calme come le Hispalis o Atomic, ma di solito non sono una scarpa per dare un tocco più leggero. Si può dare loro qualche stretta in qualche cambio di ritmo o qualche morso con i colleghi, ma questo è tutto, chi cerca qualcosa per mettere cambiamenti di ritmo, serie e altre cose dovrebbe considerare altre cose.

Joma supercross

La distribuzione del peso toglie anche un po' di grazia alla dinamica che avrebbe potuto avere perché si sentono sbilanciati verso il tallone dove sembra accumularsi molto più peso. Quando c'è uno scompenso, è peggio se questo avviene nella punta, perché lì si uccidono completamente le dinamiche della scarpa ma, comunque, quando le si muove, si nota che pesano molto di più dietro che davanti e questo dà una strana sensazione.

Se stessimo parlando di una scarpa leggera, l'impatto sarebbe minore, ma qui stiamo parlando di una scarpa che negli 85 USA ha segnato 316 grammi e 328 grammi (sì, 12 grammi di differenza tra la sinistra e la destra, qualcosa di inconcepibile e per dare un buon tiro al responsabile del controllo qualità), che porterà la referenza 9 USA vicino ai 340 grammi, un valor abbastanza alto per quello che è ora stimato.

In cima, è il contrario e, togliendo alcune cose legate alla calzata che sono un po' complicate, la performance complessiva è buona: buon tocco, morbido, niente sudore cattivo, niente punti caldi, spaziosità ma non troppo sciolto, ... Tutto questo ti aiuta ad andarci piano con le scarpe da SuperCross.

Joma Joma supercross

Penso che sia un buon modello, che danno molto gioco, che possono significare un buon passo per Joma e che se li muovono bene, possono fare uno spazio per se stessi. La chiave è che si posizionano bene nel catalogo e che rendono chiaro a cosa servono perché è qualcosa che non sembra essere chiaro, almeno con le prime informazioni che sono state riversate e che molti di noi si sono chiesti se erano scarpe da allenamento nella linea di Hispalis e Titanio (magari tra i due) o se erano più verso la parte veloce (tra Titanium e Fast). Appena li hai vicino li posizioni ed è chiaro dove si trovano come abbiamo visto in questo test ma è qualcosa che deve essere promosso anche dal marchio perché, se no, l'utente alla fine impazzisce (perché non tutti leggono i test in profondità che facciamo in Runnea).

Joma supercross

E, beh, chiediamo, per favore, che i progressi presentati dalle SuperCross e che funzionino bene, che non vengano abbandonati, che il lavoro continui e che vengano incorporati come soluzioni e tecnologie per i modelli futuri, in modo che non si vada indietro ma avanti. Non è che abbiano una tecnologia rivoluzionaria, ma penso che abbiano fatto un buon lavoro sulla parte superiore con la nuova griglia, la sensazione, i rinforzi termicamente attaccati sono già belli, ecc. quindi sarebbe un peccato se rimanessero semplicemente con questo modello invece di estenderlo ad altri dove sicuramente aggiungerebbero miglioramenti.

PRO e NOC

PRO:

  • Tocco della parte superiore.
  • Rapporto qualità/prezzo.
  • Ultimo generoso ma senza essere esagerato.

Contro:

  • La regolazione del mezzo piede è un po' lassista.
  • Distribuzione del peso (e un po' pesante).
  • Il tocco dell'imbottitura è un po' troppo forte

Servizi

Leggerezza: 6

Ammortizzazione: 7

Flessibilità: 8

Risposta: 7

Stabilità: 7

Impugnatura: 7

Opinioni di Joma SuperCross

Sii il primo a scrivere una recensione

- -

Valutazione media
Dagli utenti

Max: -
Min: -

Leggerezza

-

Ammortizzazione

-

Flessibilità

-

Risposta

-

Stabilità

-

Grip

-

Domande e commenti da Joma SuperCross

Non ci sono domande o commenti