Nike AlphaFly Next%

Nike AlphaFly Next%
Nike AlphaFly Next%
7.8
SCORE

Prezzo originale Nike 299,99 €

Da 247,99 €



Caratteristiche

  • Genere
    Uomo Donna
  • Peso
    210 gr
  • Drop
    4 mm
  • Ammortizzazione
    Alto
  • Costituzione
    Leggero
  • Impronta
    Neutro
  • Superficie
    Asfalto
  • Uso
    Gara
  • Ritmo
    Alto
  • Tecnologia
    Piastra di carbonio
  • Piede
    Normale
  • Appoggio del piede
    Punta
  • Distanza
    Mezza maratona Maratona
  • Anno
    2019
Leggerezza
8
Ammortizzazione
10
Flessibilità
9
Risposta
10
Stabilità
8
Grip
8

Le Nike AlphaFly Next %, le scarpe running che hanno fatto la storia, saranno in vendita dal 29 febbraio 2020. Le scarpe delle polemiche, quelle che hanno portato il grande Eliud Kipchoge a diventare il primo atleta a scendere sotto le 2 ore in una maratona. Il 12 ottobre 2019, il corridore keniota ha tagliato il traguardo del Prater Park di Vienna con lo stratosferico tempo di 1.59:40. Un'altra brillante pagina della storia dell'atletica, che segna un prima e un dopo e che pone la figura di Kipchoge come ispirazione per raggiungere le sfide, battere i record e superare i limiti.

Proprio così... Ciò di cui si parlava di più all'epoca erano quelle strane scarpe che ora sono in vendita: le Nike AlphaFly Next%.

Nike AlphaFly Next%, cosa c'è di nuovo

Da quando è apparso il primo prototipo delle Nike AlphaFly Next% nella INEOS 1:59 Challenge, sono subito sorte speculazioni e polemiche sull'attrezzatura sportiva utilizzata da Eliud Kipchoge. Doping tecnologico, aiuti sproporzionati, divieto di partecipare a gare ufficiali. Il fatto è che queste scarpe saranno disponibili a l'acquisto per tutti i corridori che potranno permettersi di spendere gli oltre 250€, il prezzo che avranno all'inizio.

Cosa sappiamo delle scarpe running Nike che hanno stabilito un record mondiale?

Vi sveliamo i dettagli delle nuove scarpe da corsa Nike Alphafly Next%, le nuove Nike Alphafly Next%.

Nike AlphaFly Next%, le scarpe running che hanno fatto la storia

Il 6 maggio 2017, Eliud Kipchoge ha affrontato la Breaking 2, la sfida di infrangere la barriera delle due ore in una maratona. Le Nike Zoom Vaporfly Elite sono state le scarpe utilizzate dal keniano per compiere questa grande impresa, e con le quali è rimasto con il miele sulle labbra. Solo 25 secondi lo separavano dal raggiungimento dell'impresa sportiva di scendere sotto l'ora di 2 della maratona. Da Nike Running doveva arrivare l'evoluzione per offrire a Eliud Kipchoge quel plus che gli avrebbe permesso di raggiungere l'ambizioso obiettivo, e il risultato sono state queste Nike AlphaFly.

Nike AlphaFly Next%, le scarpe running che hanno fatto la storia

Dopo la saga di scarpe volanti Vaporfly di Nike, le AlphaFly sono la quarta generazione di un modello ottimizzato non solo per consentire all'atleta di correre in modo più veloce ed efficiente, ma anche per migliorare le sue prestazioni atletiche a ogni passo.

E finalmente conosciamo tutti i dettagli delle scarpe running di Eliud Kipchoge.

Per cominciare, tutta una serie di innovazioni tecnologiche. Molte di esse sono ereditate dalle Nike Vaporfly Next%, un altro dei modelli che hanno realizzato un'altra impresa sportiva come quella di Brigid Kosgei, che ha battuto il record mondiale di maratona femminile a Chicago (2.14:04), polverizzando il precedente record stabilito da Paula Radcliffe. Ma, naturalmente, queste AlphaFly portano con sé anche importanti innovazioni per aumentare la reattività, rendendole più efficienti e riducendo al minimo l'affaticamento muscolare del corridore.

Nike AlphaFly VS Nike ZoomX Vaporfly Next%.

Per comprendere meglio questa nuova scommessa di Nike Running di creare una nuova era nelle scarpe running, è necessario fare un confronto delle somiglianze e delle differenze con le famose Nike ZoomX Vaporfly Next%. Ce ne sono, ce ne sono.

La Nike Air Zoom Alphafly NEXT% è una chiara evoluzione di una scarpa che ha già fatto la storia, la Vaporfly. Questa volta, però, il team di ingegneri e progettisti Nike ha incorporato gli Zoom Air Pods nell'avampiede, più ZoomX Foam nel tallone e una tomaia più leggera chiamata Atomknit.

Nike AlphaFly Next%, dettagli

Per Nike, la piastra in carbonio è stata un grande passo avanti, ma non si è accontentata. Ha deciso di fare un ulteriore passo avanti e, insieme alla piastra e alla schiuma XZoom, ha avuto l'idea di incorporare Nike Air per raccogliere e restituire ancora più energia e ammortizzazione a ogni passo.

Le 3 caratteristiche principali della NikeZoomX Alphafly Next %.

  • Piastra in fibra di carbonio su tutta la lunghezza della scarpa

Fornisce stabilità, reattività e una transizione del piede molto fluida; genera inoltre tensione al momento della partenza nell'avampiede per una sensazione più propulsiva.

  • Ammortizzazione Nike ZoomX

La schiuma più leggera Nike. Sensazione morbida per un recupero rapido e un ritorno di energia.

  • Nike Zoom Air Pods

La nuova "invenzione" Nike. Fornisce un'ammortizzazione extra e un maggiore ritorno di energia, dando la sensazione di slancio a ogni passo.

E nella zona del tallone troviamo anche Nike React Foam, una schiuma ancora più morbida per un atterraggio più confortevole.

Analizziamo la Nike Alphafly Next%.

È ovvio che tutte queste tecnologie e materiali rendono le Nike Alphafly più grandi, più spesse e più pesanti delle Nike ZoomX Vaporfly Next%. Infatti, le AlphaFly hanno un millimetro in più di drop (9 mm) rispetto agli 8 mm delle Vaporfly Next%. Si tratta quindi di un'altezza del tallone superiore, con 39 mm nella zona del tallone e 35 mm nella zona dell'avampiede, rispetto ai 40 mm del tallone e ai 32 mm dell'avampiede delle Vaporfly Next%.

Nike AlphaFly Next%, tutti i dettagli

Ecco perché la chiave di queste nuove specifiche tecniche della Nike AlphaFly sta nel suo layout, che prevede una costruzione a 8 strati della scarpa rispetto ai 4 strati della versione precedente. L'idea potrebbe essere quella di offrire un concetto massimalista della capacità di ammortizzazione e della reattività della scarpa stessa. La ripartizione degli strati è strutturata come segue:

Un doppio strato di carbonio è inserito tra le unità di schiuma pressurizzata ZoomX. Dopo questo secondo strato di schiuma ammortizzante compare la prima camera d'aria, seguita dal secondo strato di carbonio, per montare la seconda camera d'aria visibile, e quindi il terzo strato di carbonio per finire con la suola.

Tutta questa struttura tecnologica è supportata da sezioni segmentate dell'avampiede e del tallone. E per riempire lo spazio tra queste due sezioni, un doppio strato di cuscinetti ammortizzanti. In questo modo, la scarpa aiuta a eseguire transizioni più reattive e flessibili, distribuendo la forza degli impatti, senza punti caldi, per godere di un passo più uniforme e stabile.

Per completare l'intersuola e la suola della Nike AlphaFly, la scarpa volante di Kipchoge è dotata anche di una tomaia rinnovata. E c'è di più! I progettisti dell'azienda hanno scelto di rivoluzionare il mercato running con lo sviluppo di una nuova tomaia Flyknit: Atomknit. Questo tessuto flessible ed elastico offre una calzata più adattabile al movimento naturale del piede , con un assorbimento minimo dell'acqua e una maggiore traspirabilità che, ovviamente, serve anche a controbilanciare il peso della scarpa.

Nike AlphaFly Next%, Kipchoge

Crediti fotografici: Nike e INEOS 1:59 Challenge.

Review da Nike AlphaFly Next%

16 maggio 2022

9.2

Nike AlphaFly Next%: i record sono anche per i comuni mortali

Credo che ormai pochi appassionati di running non conoscano il modello più tecnologico del marchio americano Nike. La Nike AlphaFly Next% è il modello per eccellenza che segna la direzione in cui la R+D+i andrà nei prossimi anni, per quanto riguarda le scarpe da corsa per competizioni su asfalto. Senza dubbio, questo modello rivoluzionario ha generato una svolta a livello tecnologico e un miglioramento diretto delle prestazioni degli atleti d'élite.

Recensione Nike AlphaFly Next%, esperienza di corsa

Noi di RUNNEA abbiamo avuto la fortuna di provarle e di trarre le nostre conclusioni su questo modello di punta di Nike. Appena aperta la scatola, il design di queste Nike AlphaFly Next% già è sorprendente: il taglio della suola e dell'intersuola è caratteristico del modello e indica chiaramente che l'unico punto in cui il piede deve entrare in contatto con il terreno è il mesopiede o l'avampiede.

Nonostante l'ampio volume, il modello è davvero leggero (210 gr). Questo è possibile grazie a una mescola dell'intersuola davvero leggera, la ZoomX Foam, che garantisce leggerezza, reattività e buona stabilità alle alte velocità.

Recensione di Nike AlphaFly Next%, baccelli d'aria zoom

D'altra parte, l'inclusione degli Zoom Air Pods è qualcosa che le conferisce una differenziazione diretta rispetto a qualsiasi altro modello; questa tecnologia, oltre all'estetica, consente un'eccellente ammortizzazione. In altre parole, le scarpe sono veloci, ma questo non significa che non siano gentili con la falcata del corridore.

La prima volta che ho indossato queste Nike AlphaFly Next% le sensazioni sono state un po' come ci si aspettava, un po' di instabilità (ma niente in confronto alle Adidas Prime X) e un modello che chiede di camminare solo con la parte anteriore della scarpa running, questo è anche influenzato dal drop di 4 mm.

Recensione Nike AlphaFly Next%, stabilità

In termini di calzata, nonostante la struttura quasi inesistente, questo modello avvolge il piede in modo tale che si arriva a un punto in cui ci si dimentica di indossare un modello con un profilo così alto. All'inizio, vedendo l'ammortizzazione del tallone e l'assenza di qualsiasi rinforzo si potrebbe pensare a future vesciche, ma fin dai primi passi, ho avuto una calzata perfetta e il fastidio dell'attrito è stato assente.

Per che tipo di profilo di corridore sono le Nike AlphaFly Next%?

Recensione Nike AlphaFly Next%, profilo del corridore

Il tipo di utente di queste Nike AlphaFly Next% sarebbe un corridore di peso ridotto che intende utilizzare questo modello per competere, soprattutto nelle gare di lunga distanza. Uno degli aspetti che mi ha più sorpreso di queste Nike è stata la loro stabilità a velocità più "popolari", sono stato piacevolmente sorpreso di sentire come a 4'-4'15" min/km la stabilità era migliore di quanto mi aspettassi, il che la differenzia da altri marchi le cui mescole sono meno versatili per le velocità più basse.

Tuttavia, non illudiamoci, questo modello libera il suo potenziale a velocità inferiori a 3'30" min/km.

Quello che sto cercando di trasmettere è che, più che la velocità con cui si corre costantemente con loro, che è fondamentale, ciò che è veramente importante per ottenere il massimo da questa scarpa è la tecnica. Pertanto, la transizione tacco-punta sarà più lenta e la piastra in carbonio perderà efficacia a causa della decelerazione.

Ritmi di corsa

Recensione Nike AlphaFly Next%, passi di corsa

Le andature più adatte per queste Nike AlphaFly Next% sono senza dubbio quelle inferiori a 3'45" min/km, come in tutte le scarpe che hanno il carbonio integrato, le andature a cui dobbiamo muoverci saranno inferiori a questa velocità. Inoltre, a velocità inferiori a 3 min/km la scarpa è molto stabile.

Ovviamente, sono state progettate per correre a questo ritmo per un lungo periodo di tempo, quindi il corridore medio, come me, non sarà in grado di utilizzare il 100% del loro potenziale.

Per quali distanze sono le Nike AlphaFly Next%?

Recensione Nike AlphaFly Next%, distanze

A seconda del livello del corridore, la Nike AlphaFly Next% consente di gareggiare su distanze da 5 km a 42,195 km. Tuttavia, opterei per la mezza maratona e la maratona, è qualcosa di personale, ma nelle distanze inferiori ai 21 km mi piace non avere tanta ammortizzazione e avere un po' più di "contatto" con il terreno.

Senza una tecnica corretta nella maggior parte della gara, non sarà una buona opzione correre con un modello così specifico.

Tuttavia, sottolineo ancora una volta che a determinare la convenienza dell'uso di questo modello, in base alla distanza, saranno la tecnica del corridore e il ritmo da sviluppare. Senza una tecnica corretta nella maggior parte della corsa, non sarà una buona opzione correre con un modello così specifico.

Cosa ci è piaciuto di più della Nike AlphaFly Next%?

Recensione Nike AlphaFly Next%, punti di forza

Al di là della sua reattività, vorrei sottolineare il grado di comfort che permette un'ammortizzazione che spinge a camminare correttamente. Ad esempio, quando si fa un passo con il bordo esterno del mesopiede, la scarpa facilita la transizione per terminare l'impulso con l'alluce, un vero aiuto.

Opportunità di miglioramento della Nike AlphaFly Next%.

Recensione Nike AlphaFly Next%, opportunità di miglioramento

Questa sezione è molto difficile da scrivere. Onestamente, non riesco a pensare a un problema per questo modello, a parte il numero limitato di corridori che possono usufruirne. All'inizio avevo qualche dubbio sulla durata dello strato di gomma della suola, ma dopo diverse sessioni di allenamento sembra che la suola sia di lunga durata (nella parte centrale del piede).

Quali sono le scarpe a cui le Nike AlphaFly Next% possono essere paragonate?

Valutazione del tester RUNNEA:

  • Leggerezza: 9.5
  • Reattività: 9.5
  • Ammortizzazione: 9.5
  • Stabilità: 8 5
  • Flessibilità: 9.5 (questa sezione non deve essere presa in considerazione a causa della rigidità della piastra in carbonio).
  • Presa: 9

Opinioni di Nike AlphaFly Next%

Sii il primo a scrivere una recensione

-

Valutazione media
Dagli utenti
Max: -
Min: -
Leggerezza
-
Ammortizzazione
-
Flessibilità
-
Risposta
-
Stabilità
-
Grip
-
7.8
SCORE

Nike AlphaFly Next% sono al 216 posto nella classifica delle migliori scarpe running.

Sei un fan delle Nike AlphaFly Next%?

Visualizzare tutti i modelli di:  
La nostra selezione

Anche da Nike