I 5 infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari

Infortuni nello sport
I 5 infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari
Toni Fernández Sierra
Da Toni Fernández Sierra
Chiropodista registrato e specializzato in calzature sportive
Inserito il 06-03-2023

Sono diversi gli infortuni sportivi che interessano l'articolazione del ginocchio, probabilmente l'articolazione più sollecitata durante la corsa, prima della caviglia e dell'anca, e quindi una delle più soggette a lesioni a causa della sua funzione portante.

Oltre a sostenere il peso del corpo, il ginocchio è responsabile della mobilità quando si corre, si cammina o si salta. Pertanto, il ginocchio deve essere una struttura stabile e mobile al tempo stesso. Sebbene sia progettata per resistere agli impatti durante la corsa, questa articolazione è più vulnerabile alle lesioni gravi dovute a traumi nelle attività sportive.

Le strutture che la compongono sono colpite da sovrallenamento, cattiva biomeccanica durante la corsa o mancanza di forza nei muscoli che la compongono.

Gli infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari

Le lesioni al ginocchio più comuni nei corridori popolari

Il ginocchio è l'articolazione più grande del corpo ed è composto da due ossa importanti: il femore e la tibia, e da un osso più piccolo a forma triangolare chiamato rotula o patella. Queste ossa si articolano tra loro per favorire il movimento di flessione-estensione.

Questo movimento è dato dalla contrazione di due grandi gruppi muscolari, da un lato e in generale dal quadricipite, che esegue il movimento di estensione, e dall'altro dai muscoli hamstring, (i muscoli posteriori della coscia) che eseguono il movimento di flessione. Oltre alle ossa, ai muscoli e ai tendini, il ginocchio è dotato di legamenti che gli conferiscono stabilità e di altre strutture come la cartilagine o i menischi che impediscono lo sfregamento delle ossa tra loro e l'usura.

Passiamo in rassegna 5 delle lesioni al ginocchio che, a mio avviso, sono le più frequenti nei corridori:

Le lesioni al ginocchio più comuni nei corridori popolari - Sindrome della banda ileotibiale o ginocchio del corridore

Sindrome della banda ileotibiale o ginocchio del corridore

Se siete corridori, avrete sicuramente sentito parlare di questo infortunio così comune nel running. Questa lesione è la causa più comune di dolore al ginocchio laterale, soprattutto negli sport che richiedono un movimento ripetitivo di flessione-estensione del ginocchio, come il ciclismo o i corridori di lunga distanza.

La comparsa di questa lesione è legata principalmente a un'eccessiva tensione della banda ileotibiale, che è l'estensione del tessuto connettivo formato dalle fibre del tensore della fascia lata e del gluteo medio. Quando questa banda o fettuccia esercita una tensione eccessiva, compare un'infiammazione e un dolore localizzato alla sua inserzione nel condilo femorale esterno, ed è tipico trovarla sotto pressione in questa zona, portando in alcuni casi all'impossibilità di praticare sport a causa dell'intenso dolore che produce.

Questa infiammazione può comparire a causa dell'attrito eccessivo della banda ileotibiale che attraversa la parte esterna del ginocchio durante la corsa.

L'elevata frequenza di insorgenza nei corridori è dovuta a diversi fattori:

  • Stretta della banda ileotibiale.
  • Microtraumatismi continui che vengono assorbiti dal ginocchio, in particolare dalla sua parte esterna.
  • Debolezza dei muscoli adduttori, in particolare del gluteo medio. Per questo motivo è importante lavorare sull'allenamento muscolare oltre che sulla corsa.
  • Passo scorretto. Un'eccessiva pronazione del piede implica una rotazione interna della tibia e, quindi, un eccesso di tensione nell'inserzione delle fasce.
  • Varianti anatomiche che contribuiscono ad aumentare la tensione della banda ileotibiale, come dismetrie degli arti inferiori, aumento del varismo o del valgismo del ginocchio o eccessiva pronazione del piede.

Gli infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari - Tendinite rotulea

Tendinite rotulea

La tendinite rotulea, o "ginocchio del saltatore", è un processo infiammatorio che colpisce il tendine che collega la rotula alla tibia. È una delle tendinopatie più comuni, insieme alla tendinopatia della cuffia dei rotatori e alla tendinopatia di Achille.

Il tendine rotuleo è un'ampia fascia di tessuto fibroso che collega il muscolo quadricipite alla tuberosità anteriore della tibia. La funzione principale di questo tendine è quella di eseguire l'estensione del ginocchio quando il muscolo quadricipite si contrae. Questa struttura tendinea deve anche sopportare carichi isometrici ed eccentrici durante la corsa e la sua lesione è strettamente correlata alle attività che impongono elevate richieste al sistema estensore del ginocchio, soprattutto negli sport legati al salto o alla corsa, in cui il tendine rotuleo accumula e rilascia energia ripetutamente.

Questa lesione si verifica di solito unilateralmente, ma può verificarsi, più raramente, in entrambe le ginocchia. Clinicamente, si presenta come un dolore anteriore al ginocchio, localizzato al polo inferiore della rotula, che aumenta con il carico di lavoro e di solito si attenua a riposo.

Nelle diverse fasi della lesione, possiamo trovare fasi in cui il dolore compare solo durante l'attività sportiva e non influisce sulla prestazione, fasi in cui il dolore scompare leggermente durante l'attività e ritorna intensamente a riposo, e fasi in cui il dolore è costante e riduce notevolmente la prestazione sportiva. Il trattamento precoce di questa lesione viene effettuato con l'intento di interrompere il processo infiammatorio nelle sue fasi iniziali. Analizzare ed evitare la causa di questa infiammazione per ridurre temporaneamente il carico di allenamento può essere sufficiente per invertire il processo.

I fattori predisponenti che causano la comparsa di questa lesione sono:

  • Sovraccarico, sovrallenamento e affaticamento.
  • Scompensi muscolari tra la muscolatura dei flessori e degli estensori del ginocchio.
  • Impatti continui dovuti alla contrazione eccentrica del quadricipite per attutire la caduta durante la corsa.
  • Una rotula morfologicamente alta.

Gli infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari - Condromalacia rotulea

Condromalacia rotulea

La condromalacia rotulea è forse la lesione del ginocchio più comune, non necessariamente legata all'attività sportiva. Probabilmente tutti gli esseri umani presentano un certo grado di condromalacia delle ginocchia, ma in molti casi questa lesione è asintomatica.

La condromalacia rotulea, o sindrome femoro-rotulea, è un'usura della cartilagine tra la rotula e il femore, la cui funzione è quella di favorire lo scorrimento tra queste due strutture.

Quando si verifica un disallineamento della rotula rispetto al solco femorale durante il movimento di flessione ed estensione, si produce un eccesso di attrito in questa articolazione. Questo disallineamento è solitamente causato da uno spostamento laterale della rotula, motivo per cui è necessario rafforzare il quadricipite vasto mediale per cercare di centrare la rotula ed evitare, in parte, questo eccesso di attrito.

I sintomi di questa lesione sono

  • Dolore sordo e aspecifico, di solito localizzato intorno alla rotula.
  • Sensazione di pressione sulla parte posteriore della rotula.
  • Scricchiolii sotto la rotula durante la flessione e l'estensione del ginocchio.
  • Disabilità funzionale con conseguente debolezza, soprattutto nel salire e scendere le scale.

Oltre alla fisioterapia per cercare di ridurre i sintomi prodotti da questa lesione nelle fasi lievi, esistono trattamenti per alleviarne i sintomi:

  • Condro-protettori orali. Le prove scientifiche sull'efficacia di questi farmaci non sono chiare, ma rappresentano un complemento farmacologico ai trattamenti fisioterapici.
  • Iniezioni di acido ialuronico. Oggi non possiamo dire che esista una cura per l'osteoartrite, ma questi composti, infiltrati nelle articolazioni con usura cartilaginea lieve o moderata, riducono il dolore e favoriscono lo scorrimento tra le strutture, ritardando anche l'evoluzione della lesione stessa.

Gli infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari - Tendinite del piede d'oca

Tendinite della zampa d'oca

Questa patologia dal nome così particolare è un'altra delle infiammazioni tendinee tipiche dei corridori, che si verifica soprattutto nei corridori di lunga distanza.

Si chiama "zampa d'oca" perché l'inserzione nel ginocchio di tre muscoli che corrono lungo la gamba formano un fascio tendineo che simula la zampa di un'anatra o, in questo caso, di un'oca. Quando si parla di tendinite del piede d'oca, o tendinite anserina, ci si riferisce all'infiammazione o all'irritazione di questo gruppo tendineo all'inserzione di 3 muscoli e della relativa borsa.

I muscoli che formano questa struttura tendinea sono:

  1. Semitendinoso, che insieme al bicipite femorale e al semitendinoso forma il gruppo degli hamstring, (i muscoli posteriori della coscia) responsabile della flessione del ginocchio.
  2. Sartorio. È il muscolo più lungo del corpo e attraversa la coscia in diagonale dalla spina iliaca, sopra l'anca, fino all'interno del ginocchio, precisamente in corrispondenza della zona detta  zampa d'oca. Essendo un muscolo bi-articolare, esegue movimenti specifici sia dell'anca che del ginocchio, ovvero flessione, rotazione esterna e adduzione dell'anca e flessione del ginocchio.
  3. Il gracile o retto interno è situato verticalmente e superficialmente sull'aspetto mediale della coscia. Si presenta come un cordone muscolare che scende dal pube fino alla sua inserzione nella zona detta zampa d'oca. La sua azione principale è l'adduzione dell'anca e la flessione del ginocchio.

Conoscere l'anatomia e la biomeccanica di questo gruppo muscolare ci aiuterà a sapere come allungarlo in caso di dolore. Sintomi:

  • Dolore nella parte anteriore e mediale del ginocchio durante la corsa, che può comparire anche a riposo. Questo è il sintomo principale di questa patologia.
  • Dolore quando si preme sulla zona di inserzione di questa struttura.
  • Rigidità mattutina che scompare dopo pochi minuti.
  • Dolore durante uno sforzo, come alzarsi da una sedia.

Gli infortuni al ginocchio più comuni nei corridori popolari - Lesioni meniscali

Lesioni meniscali

I menischi sono una parte importante del sistema di ammortizzazione del ginocchio. Sono due strutture fibrocartilaginee di tessuto morbido e fibroso che fungono da cuscinetto tra la tibia e il femore. Questa funzione di ammortizzazione riduce il rischio di lesioni al ginocchio assorbendo e distribuendo gli impatti durante la corsa, riducendo così l'usura della cartilagine.

È vero che l'insorgenza di queste lesioni non può essere attribuita direttamente alla corsa, ma la loro incidenza è chiaramente legata alla funzione meccanica svolta dal ginocchio durante questo gesto sportivo.

Esistono due gruppi distinti di lesioni meniscali nei corridori: da un lato quelle traumatiche, in cui è evidente un meccanismo di lesione, con un'incidenza maggiore nei giovani corridori, e dall'altro quelle degenerative, con un'insorgenza meno evidente della lesione e direttamente correlate a un processo degenerativo dell'articolazione del ginocchio, che si verificano nella popolazione più anziana.

La presenza di una lesione meniscale influisce direttamente sulle prestazioni del corridore.

Il dolore meccanico nell'interlinea articolare è un chiaro sintomo di questa patologia, l'infiammazione, il versamento post-sforzo o addirittura i blocchi articolari possono accompagnare il dolore in queste lesioni. In questa situazione, l'esame manuale e le caratteristiche cliniche della lesione riveleranno la patologia. La risonanza magnetica è lo studio complementare per stabilire con certezza la diagnosi.

Il trattamento di queste lesioni dipenderà dal tipo di lesione, dalle sue dimensioni e dal paziente stesso, quindi la sua età, l'attività che svolge, ecc. È necessario analizzare l'esigenze e le caratteristiche di recupero di ciascun atleta, distinguendo tra le lesioni che non richiedono un intervento chirurgico e quelle che devono essere sottoposte a un altro tipo di intervento. L'obiettivo principale di questi trattamenti è ripristinare la funzionalità del ginocchio e rispettare la massima quantità di tessuto sano per non accelerare l'usura dell'articolazione.

Esistono diversi trattamenti per curare una lesione meniscale:

  • Trattamento conservativo, non chirurgico. Indicato per gli atleti più anziani, con un ginocchio degenerativo in cui la meniscectomia e l'asportazione parziale o totale del menisco potrebbero accelerare l'usura precoce dell'articolazione. Con il trattamento conservativo, i tempi di recupero si allungano, basandosi su riposo sportivo, misure antinfiammatorie e fisioterapia per ridurre il dolore e l'edema. Saranno necessari carichi progressivi con esercizi attivi sul ginocchio per recuperare la forza e il riadattamento sportivo alla corsa per evitare ricadute e rivalutare la lesione una volta superata la fase acuta-infiammatoria.
  • Trattamento chirurgico, indicato per gli atleti che devono tornare alla loro vita sportiva il prima possibile. Si tratta di una procedura con poche complicazioni in cui l'area danneggiata viene rimossa con tecniche artroscopiche, il che facilita la possibilità di iniziare il trattamento riabilitativo il prima possibile.
  • Suture meniscali. Non è sempre possibile, ma quando il tessuto è di buona qualità e la lacerazione lo consente, è la tecnica più appropriata per mantenere l'integrità del menisco e ritardare l'usura dell'articolazione del ginocchio.

Non tutte le lesioni meniscali sono uguali, quindi i tempi di recupero variano da caso a caso. Se non ci sono altre lesioni associate, il tempo di recupero prima di poter svolgere un'attività sportiva impegnativa può variare da 4 a 6 mesi.

È necessario, da parte dell'atleta, saper riconoscere i sintomi di ogni lesione per poterli differenziare, ma ogni volta che si manifesta un dolore è importante rivolgersi a dei professionisti per abbreviare i tempi di recupero ed evitare che la lesione diventi cronica. Modificare il programma di allenamento, sostituirlo temporaneamente con un'altra attività complementare e rivolgersi a un fisioterapista sono procedimenti necessari per recuperare e guarire completamente da questi infortuni.

Toni Fernández Sierra

Toni Fernández Sierra

Chiropodista registrato e specializzato in calzature sportive

Numero di iscrizione all'albo dei chiropodisti 838142142. Fin da bambino ho imparato cosa significa allenarsi, allenarsi e allenarsi: atletica, basket, sci alpino, ciclismo... ma come molti di voi ho dovuto decidere il mio futuro e ho studiato Podologia. Grazie a questo ho potuto mescolare le mie due passioni: lo sport e la mia professione. Ho ampliato la mia formazione in Biomeccanica, Attività fisica e Sport, ricerca... e ho scoperto un'altra passione: l'insegnamento. Docente universitario, in corsi post-laurea e master, corsi di formazione, conferenze, lezioni... Fino a circa 15 anni fa mi è stato chiesto di collaborare alla progettazione di una suola per una scarpe da paddle. A quel punto tutto è cambiato e ora mi sento davvero un uomo fortunato.