Running: Scarpe da corsa

Perché è più difficile per noi correre nella calura estiva? Tutto quello che dovete sapere!

Perché è più difficile per noi correre nella calura estiva? Tutto quello che dovete sapere!
per Matteo Russo Stampa |

Mantenere il concetto di termoregolazione perché la capacità del nostro corpo di adattarsi alle diverse temperature è la base per rispondere alla domanda: perché è più difficile per noi correre nella calura estiva? Approfittiamo di questo post per dirvi tutto quello che dovete sapere per correre in estate, e "non morire" nel tentativo.

La percezione dello sforzo aumenta completamente e aumenta come diretta conseguenza del fatto che è difficile per noi corridori dissipare il calore quando siamo fuori a correre in condizioni di caldo e umidità elevata. È qui che entra in gioco la termoregolazione.

Questo è vero per Perogrullo, ma una delle migliori strategie per la corsa e l'allenamento in estate è quella di fare attività fisica nelle ore di minore intensità di calore. Ma dobbiamo essere consapevoli che questa fascia oraria non è sempre praticabile per tutti. In questo modo, "siamo obbligati ad adattare il nostro allenamento a quei momenti della giornata in cui il caldo preme. Una diminuzione dell'intensità e della durata sarà la migliore misura iniziale, oltre all'idratazione", dice in dettaglio Iker Muñoz, direttore sportivo della Runnea Academy.

Di cosa avete bisogno per allenarvi meglio in estate?

Quali sono i principali pericoli per il corridore che si allena in condizioni di caldo eccessivo?

I rischi che i corridori corrono (mai meglio), quando lo fanno in ore molto calde, non solo sono variegati, ma possono anche portare a patologie molto gravi. Queste vanno da una disidratazione più che possibile a un colpo di calore, che finisce con un esito fatale, e che dovrebbe essere evitato a tutti i costi.

"Per tutti questi motivi, è necessario essere molto attenti quando si fa esercizio nelle ore centrali della giornata, e se si è consapevoli che al minimo segno che qualcosa non va, interrompere l'esercizio", dice Muñoz.

Quindi, se siete arrivati a questo punto, ponetevi la domanda: "Ha davvero dei vantaggi andare a correre durante l'estate?" Naturalmente, non abbiate dubbi! L'allenamento, o l'attività fisica, è necessario in qualsiasi momento dell'anno, che sia inverno, primavera, estate o autunno. "Per fortuna il nostro corpo è in grado di adattarsi all'esercizio fisico quando fa caldo. Sudiamo prima, il nostro volume plasmatico (la parte liquida del nostro sangue) aumenta, siamo in grado di tollerare una temperatura esterna più alta, ecc... quindi i benefici sono evidenti", dice il nostro allenatore Runnea.

Quali sono i principali pericoli del corridoio che si allena in condizioni di eccessivo calore?

Idratazione, una sezione fondamentale da curare in ogni sessione di allenamento

Tuttavia, come sottolinea Iker Muñoz, "senza mezzi esterni, è davvero difficile ridurre la temperatura interna durante l'esercizio. Tuttavia, è nelle nostre mani incoraggiare questo processo di termoregolazione indossando abiti da running adatti alle condizioni atmosferiche, mentre allo stesso tempo siamo obbligati a mantenere una corretta e continua idratazione".

Fa bene allenarsi col caldo?

Oltre a questa importante sezione sull'idratazione, è necessario sottolineare che le corse a lunga distanza e gli allenamenti prolungati comportano una notevole perdita d'acqua. Questa circostanza ci porta ad utilizzare la risorsa dei sali minerali come complemento alla nostra necessaria assunzione di acqua, perché "aiutano ad assorbire più acqua, e quindi a minimizzarne la perdita". Tuttavia, dobbiamo anche essere chiari sul fatto che non saremo mai in grado di sostituire tanta acqua quanta ne perdiamo, quindi avremo sempre un bilancio idrico negativo", sottolinea Muñoz.

Correre in base alla sensazione di sforzo o al ritmo: cosa è meglio?

Indossando la nostra tenuta preferita, le scarpe da running, pronti e disposti a correre sull'asfalto, c'è un'altra opzione da risolvere, quella di uscire e correre per sensazioni, o meglio per guardare il ritmo della gara che vogliamo prendere. "All'inizio prenderei in considerazione la percezione dello sforzo piuttosto che della velocità. L'importante è esercitarsi in sicurezza, i ritmi arriveranno più tardi, quando ci saremo adattati all'allenamento in ambienti caldi", sottolinea Iker Muñoz. La massima è chiara: treno, sì, ma sempre con criterio e testa. Sicurezza, soprattutto.

La teoria è molto ben spiegata, ma messa in pratica genera un po' di confusione. Ad esempio, una raccomandazione di base quando si fa una serie di allenamenti impegnativi, la più logica sarebbe quella di svolgerli nelle ore di caldo meno brutte, ma in vista di tale impossibilità, e a condizione che "quelle sessioni siano obbligatorie comincerebbero ad introdurle progressivamente (sia in termini di volume che di intensità)". Inoltre, mi assicurerei di avere una fonte d'acqua nelle vicinanze dove potermi idratare e bagnarmi per ridurre lo stress da calore". La parola di un allenatore esperto. Meglio prevenire che curare.

Strategie per correre in estate con più fiducia

Strategie per correre in estate con più sicurezza

E per finire il post concludiamo anche con altre raccomandazioni pratiche per rendere più sopportabile la formazione nel periodo estivo. A proposito, non perché siano ovvie, ma perché smettono di essere interessanti e persino obbligatorie.

  • Correre in base allo sforzo fatto, e non solo al ritmo.
  • Per quanto possibile, correre nei momenti in cui c'è meno radiazione solare, sia al mattino presto che nel tardo pomeriggio.
  • Pianificare percorsi in cui è possibile correre in aree ombreggiate e non correre sempre al sole.
  • Rimanete sempre idratati durante l'allenamento. È importante anche la stesura di una mappa stradale con le fonti.
  • Indossare un abbigliamento adeguato, con tessuti tecnici altamente traspiranti che espellono il sudore.

Con tutto questo, nonostante il caldo, prendere le misure e le precauzioni necessarie, correre in estate ci aiuta anche ad essere corridori più efficienti, soprattutto quando si tratta di regolare meglio la nostra temperatura corporea.

Link correlati

  1. Di cosa avete bisogno per allenarvi meglio in estate?

    Di cosa avete bisogno per allenarvi meglio in estate?

    Di cosa avete bisogno per allenarvi meglio in estate? Bere acqua, bere sali minerali e scegliere cibi che contengono molta acqua sarà la chiave per superare i vostri allenamenti nei giorni caldi. Ci faremo consigliare da Ana Polo, nutrizionista e dietologa sportiva, che ci darà alcune linee guida per adattare la nostra dieta.
  2. Qual è la superficie migliore su cui correre per ridurre le possibili lesioni?

    Qual è la superficie migliore su cui correre per ridurre le possibili lesioni?

    Con l'idea di cercare di ridurre, anche parzialmente, quella forza reattiva che i nostri atleti generano a contatto con il terreno, una buona opzione è quella di eseguire tiri a bassa intensità su superfici più morbide, leggere l'erba o il terreno, all'interno del nostro piano di allenamento individualizzato
  3. A cosa dovremmo pensare noi corridori: velocità o distanza?

    A cosa dovremmo pensare noi corridori: velocità o distanza?

    "Aumentare una di queste variabili perché riteniamo che non sia consigliabile, qualsiasi aumento del carico di allenamento dovrà essere previsto nella pianificazione precedente", avverte Iker Muñoz, direttore sportivo di Runnea, sottolineando, ancora una volta, l'importanza dell'individualizzazione dell'allenamento.
  4. Se non ti piace correre, iscriviti a Power Walking! Le chiavi che devi conoscere per iniziare a fare pratica!

    Se non ti piace correre, iscriviti a Power Walking! Le chiavi che devi conoscere per iniziare a fare pratica!

    La camminata di potenza è una tecnica che consiste nel camminare ad un ritmo veloce accompagnato da movimenti, respirazione e postura adeguati per raggiungere una maggiore velocità. C'è una grande varietà di stili e tecniche nella categoria della camminata veloce, ma questa volta ci concentriamo sul Power Walking: un esercizio fisico che può essere considerato come un passo precedente per iniziare a correre, in quanto vi costringerà a fare esercizio ad intensità più elevate. Se non vi piace correre, iscrivetevi al Power Walking! I tasti che dovete conoscere per iniziare a praticarlo!
  5. In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico?

    In che modo la corsa influisce sul pavimento pelvico?

    L'indebolimento del pavimento pelvico è un disturbo comune tra i corridori popolari, soprattutto tra le donne, e può portare a disfunzioni sessuali, secchezza vaginale o incontinenza urinaria. Ma come influisce la corsa sul pavimento pelvico? La corsa, essendo un'attività ad alto impatto, può influenzare negativamente i nostri muscoli e le nostre articolazioni, generando molto stress in alcune aree del nostro corpo.

© RUNNEA Copyright 2020.